15 dicembre 2019
Aggiornato 11:30
si apre la porta santa

Giubileo, ecco il piano sicurezza per l'8 dicembre

Tutta la città sarà divisa in "aree di servizio" monitorate e controllate da personale altamente qualificato

ROMA - Tavolo tecnico in Questura, questa mattina, per mettere a punto e presentare il piano speciale delle misure di sicurezza per domani, l'8 dicembre, giornata di apertura del Giubileo a Roma. A presiederlo il Questore, Nicolò D'Angelo. Il piano, si specifica dalla Questura, coprirà tutti gli eventi in programma domani.

Disposizioni ed orari
Varchi aperti per i pellegrini che vorranno accedere a San Pietro a partire dalle 6 e 30, tre ore prima del passaggio dalla Porta Santa, ed è prevista una pianificazione articolata per coprire tutti gli eventi in programma durante la giornata di domani: dall'omaggio alla Madonna in piazza Mignanelli allo spettacolo di luci delle 19, con aree di servizio che realizzeranno le condizioni di massima sicurezza per i pellegrini, ciascuna di esse con una catena di comando dedicata che convergerà presso la sala gestione Grandi Eventi della Questura di Roma.

Unità anti-terrorismo e reparti speciali in azione
Si prevedono infatti aree di servizio appositamente realizzate per fornire la massima sicurezza ai pellegrini e in ogni area saranno effettuate bonifiche con artificieri, unità cinofile anti-esplosivo e controlli con metal detector fissi e portatili. A vigilare sono state chiamate ad operare anche le unità operative antiterrorismo, personale della Polizia di Stato altamente specializzato ed equipaggiato per verificare particolare minacce ed assicurare il primo intervento in situazioni critiche. Sul campo anche i reparti speciali della Polizia di Stato e dell'Arma dei Carabinieri.

Una grande collaborazione internazionale
Al tavolo tecnico presieduto dal Questore D'Angelo erano presenti oggi anche i funzionari del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia del Dipartimento di Pubblica Sicurezza e questo, si è spiegato, "per assicurare il collegamento tra la Questura di Roma e la Comunità di Intelligence Internazionale». Un sistema, si fa presente, ormai utilizzato in tutti i grandi eventi a livello mondiale, che prevede il collegamento diretto tra le Sale Operative Internazionali, istituite su disposizione del Capo della Polizia, e la Questura, responsabile del servizio di Ordine e Sicurezza Pubblica. Il piano operativo del Questore di Roma viene pertanto costantemente aggiornato anche sulla base delle informazioni che forniscono gli Uffici di collegamento delle Sedi Internazionali.