20 luglio 2019
Aggiornato 18:30
i primi cento giorni

Giubileo, attesi 150mila turisti a Roma per la domenica delle Palme

Dall'8 dicembre all'11 marzo sono giunte nella Capitale per l'anno giubilare circa 3 milioni di persone

Papa Francesco I.
Papa Francesco I. Shutterstock

ROMA - «Secondo i numeri in nostro possesso, dall'8 dicembre all'11 marzo, solo nella zona di San Pietro abbiamo calcolato la presenza di 2 milioni e 802mila persone giunte a Roma per il Giubileo». Lo ha detto monsignor Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, e del comitato organizzatore del Giubileo, a margine di una conferenza stampa in cui è stato fatto il punto dei primi cento giorni del Giubileo.

Circa 3milioni di pellegrini a Roma per il Giubileo
«Questa è la cifra di cui abbiamo una certezza sicura - ha spiegato monsignor Fisichella - ma non possiamo ancora quantificare le presenze che ci sono state nelle altre basiliche romane, Santa Maria Maggiore, San Paolo Fuori le Mura, San Giovanni in Laterano e al Santuario del Divino Amore, che sono escluse dal calcolo. Le cifre non sono significative, ma sono indice dell'interesse che c'è», ha sottolineato Fisichella, ricordando che «quanto fatto finora è stato solo un piccolo anticipo rispetto a quanto si svilupperà nei prossimi mesi con molta più intensità».

Per la Domenica delle Palme sono previste 150mila persone
In questo senso i prossimi grandi eventi saranno la domenica delle Palme, domenica prossima, e domenica di Pasqua, quando a San Pietro «sono previste più di 150.000 persone». "Ben conoscendo la realtà di Roma e le vicende internazionali che hanno contribuito a rafforzare la sicurezza - ha continuato - nonostante queste difficoltà c'è stata una consistente presenza di pellegrini a Roma, in particolare a S. Pietro». Fisichella ha infine ricordato che «non è vero che non è necessaria l'iscrizione dei gruppi al Centro di accoglienza» per il pellegrinaggio alla Porta Santa a San Pietro: «I gruppi che intendono attraversarla sono sempre tenuti a registrarsi nella nostra pagina web. Tutti possono passare nella Porta Santa, ma ai gruppi è richiesta l'iscrizione e l'invito è a iscriversi, soprattutto in vista dei grandi eventi, che saranno sempre di più».

Fisichella: Tutto sta andando per il meglio
«A 100 giorni dall'apertura della Porta Santa tutto si sta svolgendo in un clima di sicurezza che dà ai pellegrini la serenità di poter svolgere i momenti di preghiera e il sano turismo religioso nelle varie strade di Roma", ha proseguito mons. Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, in un incontro con il prefetto di Roma Franco Gabrielli in cui è stato fatto il punto dei "primi 100" giorni del Giubileo della Misericordia. «Il primo pensiero è di ringraziamento e gratitudine: quanto stiamo vivendo corrisponde a pieno titolo a quanto Papa Francesco aveva chiesto nella Bolla di indizione del Giubileo», ha concluso.