6 dicembre 2019
Aggiornato 05:30
Dopo le dimissioni

Ignazio Marino, count down per Roma: è il primo giorno senza il sindaco

Alle 19 è prevista la riunione della Giunta, ma il sindaco uscente probabilmente non ci sarà

ROMA - Il Campidoglio affronta oggi la prima giornata ufficiale del dopo Marino. Dopo la formalizzazione delle dimissioni del primo cittadino, a Palazzo Senatorio nel giorno ventesimo dalla gestione commissariale si pianifica l'ordinaria amministrazione che, trattandosi della Capitale d'Italia che oltretutto si appresta a vivere l'anno giubilare, assume i caratteri della straordinarietà. Il prefetto di Roma, Franco Gabrielli, infatti dovrebbe comunicare il 2 novembre il nome del commissario prefettizio, allo scadere dei 20 giorni dalla formalizzazione delle dimissioni del sindaco Ignazio Marino.

Primo giorno senza il sindaco di Roma
Il prefetto di Roma, Franco Gabrielli dovrebbe comunicare il 2 novembre il nome del commissario prefettizio, allo scadere dei 20 giorni dalla formalizzazione delle dimissioni del sindaco Ignazio Marino. Il primo a salire l'ingresso della Lupa intorno alle nove è il vicesindaco Marco Causi, che conferma la riunione di Giunta prevista per le 19, con al centro la vicenda trasporti e Giubileo. Più tardi incontra i minisindaci, preoccupati della copertura finanziaria dei servizi sociali e del loro futuro nella gestione commissariale. Anche l'ex assessore alla Trasparenza Alfonso Sabella arriva in Campidoglio, e dice di Causi, che lo indica come possibile Commissario, che gli vuole bene ma non è portatore di una vera anticipazione della decisione attesa dal prefetto Franco Gabrielli.

La Gdf preleva i faldoni dell'affair Marino
La soluzione «interna» per la transizione sembra quella più gradita alla squadra uscente, mentre il premier Renzi lancia l'idea di un «dream team» per gestire il Giubileo, su cui però nessuno - oltre lo stesso Renzi - in città sembra avere né volti né proposte attendibili. Dall'altra parte della piazza del Campidoglio, presso la Ragioneria, la Guardia di finanza arriva in mattinata con discrezione, per raccogliere gli atti relativi all'affair scontrini del sindaco Marino. Al fascicolo aperto in Procura senza notizia di reato, infatti, servono riscontri che solo i faldoni originali possono fornire. Alla seduta di Giunta prevista in serata, che dovrebbe costruire l'agenda delle priorità dell'esecutivo uscente prima dell'arrivo del Commissario, ancora non si sa se presenzierà il sindaco dimissionario. L'ex assessore ai Trasporti Stefano Esposito ha già fatto sapere che ci sarà solo in assenza di altri impegni istituzionali. E la conta dei presenti sarà elemento per valutare gli equilibri dei prossimi 20 giorni. (Fonte Askanews)