16 luglio 2024
Aggiornato 05:30
Radio Padania lancia il servizio «sbarcare informati»

«Caro Papa, sono stufo di chi fa la morale a spese degli altri»

Il leader della Lega Nord attacca sui social la presidente della Camera, Laura Boldrini, e risponde anche a Papa Francesco. Intanto, Radio Padania gioca a provocare Matteo Renzi.

ROMA - «Dice l'inutile Boldrini che 'ogni muro ostacola lo sviluppo e il progresso'. Bene, giù tutti i muri, anche il Muretto di Alassio e il Muro del Pianto. E voi, siete pronti ad abbattere il muro del vicino di casa???» , ha scritto provocatoriamente Salvini, questa mattina, sul suo profilo facebook. E, in merito all’annuncio da parte delle autorità ungheresi della costruzione di un muro anti-immigrati, ha articolato meglio il suo pensiero rispondendo ai cronisti che l’hanno interrogato: «A me i muri non piacciono, mi piacerebbe che venissero rispettate le leggi che ci sono: accogliere i rifugiati veri e rimpatriare tutti gli altri». Per quanto riguarda l’Italia, poi, ha aggiunto Salvini: «la soluzione è difendere i confini ed eventualmente sospendere i pagamenti all'Europa».

Salvini: Viva la Danimarca!
 Il leader del Carroccio è tornato anche sulla diatriba legata allo scontro frontale con Papa Francesco. «Ciascuno, nel suo, fa quello che può, il Papa fa il Papa e io sono l'ultimo dei buoni cristiani, sono un peccatore ma sono stufo di chi fa la morale a spese degli altri": è quanto ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano un commento sulle parole del Pontefice. «Il problema non è il Papa - ha chiarito Salvini - la Chiesa fa tanto di buono con gli oratori, le parrocchie e le missioni all'estero, il problema è distinguere tra clandestini e rifugiati. E non mi sembra che ci siano tendopoli in Vaticano. Io rispetto tutti ma chiedo di essere rispettato", ha ribadito il segretario della Lega Nord sottolineando, ancora una volta, che «l'Italia sta facendo anche troppo».Sul suo profilo facebook, poco prima, Matteo Salvini aveva elogiato la Danimarca, pubblicando questo post: «Anche in Danimarca il partito "populista e xenofobo" vola, superando il 20% dei voti alle elezioni, secondo partito del Paese. Mi chiedo perché chi vuole vivere tranquillo, lavorare e controllare l'immigrazione, diventa POPULISTA e XENOFOBO. Che pena certi giornalisti, ignoranti e prezzolati. Viva la Danimarca!»

Radio Padania lancia il servizio «sbarcare informati»
Intanto, proprio ieri, Radio Padania ha lanciato il servizio «sbarcare informati», che - oltre alle informazioni dedicate ai clandestini che intendono raggiungere illegalmente le coste italiane - assicura consigli anche agli scafisti. L'iniziativa, evidentemente provocatoria, è partita alle ore 16 del 18 giugno e proseguirà con nove appuntamenti giornalieri. «Sbarcare informati» sarà un servizio attivo fino alla sospensione della politica migratoria scelta dal Governo Renzi. Come riporta il comunicato pubblicato sul sito ufficiale della Lega Nord, «La nostra provocazione – secondo Alessandro Morelli, direttore dell’emittente della Lega Nord – va dritta verso quei buonisti che fanno finta di non sapere che il mercato di uomini in atto nel Mediterraneo nel peggiore dei casi  arricchisce le mafie ma è comunque un business sul quale associazioni, enti e cooperative lucrano pesantemente. Interrompere l’invasione non è più un’opzione ma una necessità per la stragrande maggioranza degli ascoltatori anche non leghisti, dunque Radio Padania vuole essere pungente e rappresentare le istanze di chi se la prende con le anime belle che pare vivano una realtà da telenovela veicolata dalla grande informazione che si è allineata alle direttive del Governo Renzi/Alfano dimenticandosi delle emergenze dei cittadini italiani».