19 gennaio 2020
Aggiornato 22:30
Presidente parlamento europeo su emergenza sbarchi

Schulz: «Mai parlato di blocco navale, serve partecipazione di tutti i Paesi Ue»

«L'Italia ha veramente bisogno di solidarietà completa». Il presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz, in un'intervista ad Agora su Rai3 plaude all'azione della Marina Militare e delle altre forze italiane, ma sottolinea la necessità che tutti i Paesi membri dell'Unione europea intervengano nel far fronte all'emergenza in corso.

ROMA (askanews) - «Io non ho mai parlato di blocco navale: abbiamo bisogno di una presenza più grande nel Mediterraneo: con Mare Nostrum in effetti avevamo una presenza maggiore che non con Triton». Lo ha detto il presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz, in un'intervista ad Agora su Rai3.

Serve solidarieà a Italia
«Non soltanto la Marina Italiana ma anche altri Paesi - ha proseguito - devono essere presenti: la flessibilità delle navi che salvano i profughi deve essere aumentata ma dobbiamo lavorare in maniera sicura affinchè in Libia si faccia qualcosa e si vada in direzione dell'unità nazionale, in modo che si possano tutelare le stesse coste della Libia. In questa vicenda ho sempre sostenuto l'Italia perchè è il Paese che deve prendere il maggior numero di profughi in arrivo. Certo, le coste del sud del Paese sono sotto l'attacco massiccio degli arrivi e quindi l'Italia ha veramente bisogno di solidarietà completa».

Governo e autorità italiane straordinari
«Io stesso, non solo come presidente del Parlamento europeo ma prima ancora come presidente del gruppo, sono tra coloro - ha aggiunto - che già da tanti anni dicono che l'Italia ha bisogno dell'appoggio di tutti i Paesi perchè i drammi che avvengono sulle coste italiane sono tragedie umane e penso che il governo e le autorità italiane si sono comportate in modo straordinario, umano, perchè hanno salvato vite: sono eroi che svolgono compiti umanitario e ne ho il massimo rispetto».