13 giugno 2021
Aggiornato 07:00
MoVimento 5 Stelle

Pesco-Alberti: «Dimissioni? Scelta affrettata»

Dino Alberti e Daniele Pesco annunciano su Facebook di aver cambiato idea, non daranno le dimissioni dal M5S a causa della nascita del Direttorio che affincherà Beppe Grillo.

ROMA - «A volte si commettono scelte affrettate. Ieri io e Dino lo abbiamo fatto. E per questo abbiamo deciso di scrivere insieme questo post». Dino Alberti e Daniele Pesco annunciano su Facebook di aver cambiato idea, non daranno le dimissioni dal M5S a causa della nascita del Direttorio che affincherà Beppe Grillo.
«Il cambiamento che si annunciava lo abbiamo avvertito come troppo distante dall'idea di movimento che abbiamo sempre avuto. Non ci piaceva affatto... pensavamo che la nostra idea di parità e orizzontalità del movimento stesse per essere smontata da lì a poco. Di impulso ci siamo dissociati e il modo sapete bene quale sia stato».

Molte le perplessità e le risposte - Ma poi continuano Pesco e Alberti «tutto o quasi il movimento ha espresso l'interesse e la volontà di avere altre persone come riferimento oltre a Beppe e Gianroberto. E non lo vuole in modo poco deciso, lo vuole e basta. Pochi minuti dopo c'è stata l'assemblea di gruppo. Sono scaturite molte perplessità e molte sono state le risposte».
«Tutto ciò premesso abbiamo posto un quesito a Roberto, Luigi e Carlo presenti in assemblea ossia: ma.. nel caso in cui nell'ambito delle svolgimento quotidiano dei lavori del gruppo parlamentare o in commissione ci dovessero essere opinioni politiche diverse e contrastanti, come ogni tanto accade, voi vi sentirete legittimati a utilizzare questa vostra nomina e elezione per decidere qual'è la strada da prendere - hanno spiegato i due grillini scettici sul Direttorio - La risposta è stata chiara e di condanna di eventuali e futuri atteggiamenti descritti nel quesito. Questo forse non è molto e forse la risposta era scontata ma a noi basta e la prendiamo come una promessa a rispettare le scelte delle assemblee M5S siano esse piccole o grandi».

Nogarin: Basta liti, così non andiamo lontano - «Se torniamo a essere inclusivi, attrattivi, il Movimento 5 Stelle non può far altro che vincere. Forse abbiamo perso troppo tempo a litigare, ognuno con le proprie ragioni. Ma sono state discussioni spesso laceranti, non erano all'interno dei programmi che ci eravamo dati. Sicuramente si tratta di un assestamento». Lo ha detto il sindaco di Livorno del M5S, Filippo Nogarin in un'intervista al Fatto quotidiano dopo il caos scoppiato in seguito alla espulsione dei deputati Pinna e Artoni e alla nascita del direttorio che affincherà Beppe Grillo nella gestione del movimento.
«Spero che tutto torni alla normalità e che si possa intraprendere un'altra strada. E farò di tutto, perché a questa causa ho messo in mano la mia vita», ha aggiunto Nogarin.