30 marzo 2020
Aggiornato 12:34
Governo Renzi

Delrio strizza l'occhio ai «ribelli» di Sel

E' possibile, che la maggioranza si allarghi a sinistra, il Pd non va «a caccia di parlamentari», ma sono «benvenuti» coloro che decidono di appoggiare anche singole misure del governo, ha spiegato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio

ROMA - E' possibile, che la maggioranza si allarghi a sinistra, il Pd non va «a caccia di parlamentari», ma sono «benvenuti» coloro che decidono di appoggiare anche singole misure del governo. Lo ha detto a 'Otto e mezzo' Graziano Delrio, commentando il voto di Sel a favore del decreto Irpef. 

NON ANDIAMO A CACCIA DI PARLAMENTARI - Delrio ha detto: «E' possibile (un allargamento della maggioranza, ndr), non è detto. I parlamentari che desiderano appoggiare, anche temporaneamente, le misure del governo sono benvenuti. Non andiamo a caccia di parlamentari. Credo - ha aggiunto - sia la conseguenza di quello che il popolo ha dato come messaggio, 'guardate che questo sforzo va aiutato'. Credo che i parlamentari stiano riflettendo in questi giorni se stare in questa ottica di dare più fiducia al governo o mantenere le posizioni».

SU LEGGE ELETTORALE PICCOLE MODIFICHE - La riforma elettorale votata dalla Camera può essere anche corretta al Senato, ma non è pensabile che si cambi «il 100%», ha spiegato  il sottosegretario alla presidenza del consiglio: «La maggioranza che lo ha concordato può definire delle modifiche, ma non può diventare un pastrocchio. Quelli che hanno condiviso la riforma decidono le eventuali modifiche. L'equilibrio trovato è frutto delle idee che abbiamo, non ci sono maggioranze variabili. Le idee che abbiamo non sono improvvisate. Se uno mi chiede 'cambia idea al 100%'... no. Se mi chiedono delle correzioni vediamo».

CONFLITTO INTERESSI NON È PRIORITÀ - Disciplinare il conflitto di interessi non è certo una priorità in questo momento, secondo Delrio. Il sottosegretario ha risposto così quando gli è stato chiesto se il governo ha in programma di intervenire su questo punto: «Il conflitto d'interessi è certamente un problema che dobbiamo porci, ma al momento ci sono altre priorità. Abbiamo altre priorità in questo momento, vorrei che non parlassimo sempre di Berlusconi».

SU ALFANO POLEMICHE STERILI - Non esiste un 'caso Alfano' sull'arresto del presunto assassino di Yara, Delrio parla di un «caso montato sul nulla». Il sottosegretario alla presidenza del consiglio spiega: «Credo che Alfano non abbia combinato nessun pasticcio, ha dato un annuncio, non ha rivelato nessun segreto giudiziario. Un caso montato sul nulla».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal