8 aprile 2020
Aggiornato 17:30
Ambiente | Inchiesta Ilva

Clini: A Taranto catena alimentare a rischio

«È urgente la bonifica dei suoli contaminati di Taranto anche per evitare effetti sulla catena alimentare che potrebbero esserci già stati». Lo ha detto il ministro dell'Ambiente Corrado Clini sul caso Ilva a Tgcom24: Gas Rivara, esplorazioni non autorizzare»

ROMA - «È urgente la bonifica dei suoli contaminati di Taranto anche per evitare effetti sulla catena alimentare che potrebbero esserci già stati». Lo ha detto il ministro dell'Ambiente Corrado Clini sul caso Ilva a Tgcom24.

Urgente risanare il territorio - «Ho osservato che in un territorio esposto per decenni ad attività industriali inquinanti - ha continuato Clini - si è accumulata nei suoli e nelle acque una potenziale criticità con effetti possibili prevedibili sulla catena alimentare: le diossine che si sono accumulate nel corso dei decenni sono molto importanti. La diossina è persistente, si chiamano composti organici persistenti e sono pericolosi e messi al bando».
«Ilva è un insediamento industriale realizzato più di 50 anni fa, era un'industria di Stato. Se vogliamo cercare le prime responsabilità possiamo dire che Taranto è vittima di quel modello di industrializzazione che ha avuto effetti positivi dal punto di vista economico ma ha lasciato in eredità un inquinamento importante. Oggi sono intervenute le direttive europee e tutte le imprese si sono dovute adeguare. Ilva è messa nella condizione e ha l'obbligo di realizzare ulteriori investimenti per minimizzare l'inquinamento ambientale ma questo - ha concluso Clini - non cancella più di 50 anni di attività industriale e non elimina la necessità urgente di risanare il territorio».

Gas Rivara, esplorazioni non autorizzare - Sul progetto per lo stoccaggio di gas nel sito di Rivara (Modena) il ministro dell'Ambiente Corrado Clini «ha confermato che resta ferma la decisione, già assunta, di non dare seguito alla autorizzazione delle attività di esplorazione preliminare nel sito». Lo rende noto il Ministero dell'Ambiente in un comunicato, spiegando che sul progetto Clini «ha ricevuto le conclusioni, non richieste, della Commissione per la Valutazione di impatto ambientale (Via)».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal