18 gennaio 2020
Aggiornato 06:00
Dopo il voto in Grecia

Monti sente Samaras e Venizelos: Subito un Governo di responsabilità nazionale

Il Premier si è congratulato con il leader di Nuova Democrazia: Risultato importante. Bondi: Ora sta all'Europa dimostrare analoga saggezza. PSI: Papandreu aveva ragione a volere il referendum. Rotondi: L'Italia è un'eccezione, due giornali proibiscono il voto

LOS CABOS - Il presidente del Consiglio Mario Monti ha sentito il leader di Nuova Democrazia Antonis Samaras, dopo che il risultato del voto in Grecia ha dato la vittoria al partito conservatore.
«E' un risultato positivo e importante, mi sono congratulato con Samaras e ho telefonato a Venizelos per incoraggiarlo» affinché il nuovo governo sia «un governo con responsabilità nazionale», ha detto il premier a Los Cabos per il lavori del G20, prima di una serie di bilaterali con le controparti dei Paesi sudamericani e alcune ore prima della sessione plenaria del summit.
Il premier ha comunque parlato dell'importanza dell'unità dell'Eurozona e, rispondendo a chi chiedeva se il piano di aiuti ad Atene potesse essere rivisto, ha risposto sottolineando che le discussioni in questo senso dovranno essere portate avanti in sede europea e che potrebbero esserci delle «dilazioni».

Bondi: Ora sta all'Europa dimostrare analoga saggezza - «Il popolo ha espresso al cospetto dell'Europa e del mondo una lezione di nobiltà e di saggezza. Ora tocca all'Europa dimostrare una analoga nobiltà morale e saggezza politica». Lo ha affermato il coordinatore del Pdl Sandro Bondi, commentando il risultato delle elezioni in Grecia.

Leone: Ora il Governo lavori per l'unità politica dell'UE - «Tutti soddisfatti per l'esito delle elezioni in Grecia, ma bando alle facili euforie: i problemi che hanno portato quel Paese alla fame restano e se non saranno affrontati cambiando in Europa le regole di un rigore ormai insostenibile, il contagio sarà inevitabile. Dal nostro Governo ci attendiamo posizioni ferme sull'unità politica e soprattutto sul nuovo ruolo della Banca Centrale, quest'ultimo fondamentale per innescare un processo di vera crescita». Lo dichiara Antonio Leone, vicepresidente della Camera in quota Pdl.

PSI: Papandreu aveva ragione a volere il referendum - «I socialisti italiani condividono il sollievo generale per la prospettiva, dopo due successive tornate elettorali e una lunga crisi politica, di un governo di coalizione ad Atene che contribuisca alla tenuta dell'euro e dell'Unione Europea».Lo ha detto Luca Cefisi, responsabile politiche europee del PSI, commentando i risultati delle elezioni in Grecia.

Rotondi: L'Italia è un'eccezione, due giornali proibiscono il voto - «Dalla Spagna alla Grecia la politica trionfa nella sua sovranità. L'eccezione resta l'Italia, dove votare è proibito da due redazioni di giornali». Lo ho affermato in una dichiarazione l'ex ministro Gianfranco Rotondi.