19 gennaio 2020
Aggiornato 00:00
Per la costruzione di un centro commerciale a Casal di Principe

Cesaro accompagnò Cosentino per prestito ai Casalesi

Secondo l'accusa il Presidente della Provincia avrebbe accompagnato il compagno di partito presso una filiale Unicredit di Roma per sollecitare i vertici della banca a concedere un prestito ad alcuni imprenditori legati alla camorra

NAPOLI - L'attuale presidente della Provincia di Napoli Luigi Cesaro, indagato dalla Procura di Napoli e deputato del Pdl nell'ambito dell'inchiesta sul clan dei Casalesi, secondo l'accusa avrebbe accompagnato il compagno di partito Nicola Cosentino presso una filiale Unicredit di Roma per sollecitare i vertici della banca a concedere un prestito ad alcuni imprenditori legati alla camorra.

Per la costruzione di un centro commerciale a Casal di Principe - Il maxifinanziamento di cinque milioni e mezzo di euro sarebbe servito per la costruzione del centro commerciale «Il principe» di Casal di Principe storica roccaforte del clan dei Casalesi. I magistrati partenopei ritengono che Cesaro accompagnò Cosentino all'epoca in cui questi era ancora sottosegretario all'Economia. «Pochi giorni dopo tale intervento - si legge in un comunicato del procuratore aggiunto della Dda di Napoli Federico Cafiero de Raho - il finanziamento, che fino a quel momento aveva incontrato ostacoli e rallentamenti, veniva bloccato».