18 maggio 2024
Aggiornato 15:30
Caso Ruby

La Giunta della Camera valuterà la richiesta di Berlusconi dopo il 16

Mantini (Udc): «Richiesta irricevibile, la Giunta è incompetente»

ROMA - La Giunta per le Autorizzazioni della Camera prenderà in esame la richiesta di Silvio Berlusconi di valutare l'utilizzabilità o meno delle intercettazioni tra le ragazze dell'Olgettina, effettuate nell'ambito dell'inchiesta sul caso Ruby che vede il premier imputato, dopo il 16 settembre, una volta chiuso cioè l'esame della richiesta di arresto nei confronti di Marco Milanese. Lo ha fatto sapere il presidente della Giunta, Pierluigi Castagnetti, al termine della seduta di questa mattina durante la quale è stata resa nota ai componenti dell'organo parlamentare la lettera inviata dal presidente del Consiglio.

Secondo il deputato dell'Udc Pierluigi Mantini «la Giunta è incompetente» sul caso messo in luce da Berlusconi perché «si tratta di intercettazioni tra terzi, tra le ragazze dell'Olgettina. La Giunta non può influenzare le decisioni che riguardano il processo. E' stupefacente come si continui ad abusare delle istituzioni. La sede della richiesta del premier è sbagliata. E' una grave sgrammaticatura. E' una richiesta irricevibile: è come chiedere il rilascio di un diploma di laurea alla capitaneria di porto».