19 settembre 2020
Aggiornato 10:30
Inchiesta «P3»

Caliendo: sono pronto a chiarire

Il Sottosegretario alla Giustiai: «Non ho commesso scorrettezze, se così fosse mi dimetterei»

ROMA - «Non ho nessuna contrarietà a discutere» della mozione di sfiducia in Parlamento che il Pd ha presentato e che vuole sia messa ai voti prima della pausa estiva dei lavori, «così finalmente potrò discutere dei fatti». Giacomo Caliendo, sottosegretario alla Giustizia, risponde così ai cronisti in Transatlantico ribadendo la sua estraneità alle accuse che gli vengono mosse nell'ambito dell'inchiesta sulla cosiddetta P3 e ribadisce di non avere intenzione di dimettersi.
«Non ho commesso nulla - dice - quando mi contesteranno un fatto mi dimetterò, ma siccome non ho commesso neppure fatti scorretti non mi dimetto». Caliendo aggiunge di aver chiesto di essere ascoltato dagli inquirenti per sapere di cosa è accusato.