28 maggio 2020
Aggiornato 19:00
Protezione civile

Anm: Berlusconi alimenta scontro tra poteri

«E' imbarazzante che il Premier interpreti come complotto l'applicazione delle regole»

ROMA - L'Anm scende ancora una volta in campo per difendere i magistrati finiti nel mirino del presidente del Consiglio, che accusa di pronunciare «invettive» che «alimentano un clima surreale di tensione e di scontro tra poteri dello Stato». Il 'sindacato delle toghe' esprime, infatti, «stupore e preoccupazione» per le dichiarazioni di ieri sul ruolo della magistratura e della Corte Costituzionale.

«Ancora una volta - afferma l'Anm - i cittadini sono costretti ad ascoltare invettive nei confronti della magistratura e delle massime istituzioni di garanzia, che alimentano un clima surreale di tensione e di scontro tra poteri dello Stato. E' imbarazzante che il capo del Governo interpreti continuamente come un complotto politico la semplice applicazione delle regole e il fisiologico funzionamento degli istituti di garanzia propri dei moderni Stati costituzionali di diritto».

«I magistrati italiani non intendono lasciarsi trascinare in questa rissa verbale, ma hanno il dovere - conclude l'Anm - di denunciare gli effetti di delegittimazione delle istituzioni che tali imprudenti e reiterate dichiarazioni determinano».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal