2 dicembre 2021
Aggiornato 04:30
Trading online

Come si inizia a investire in criptovalute?

Oggi il settore delle criptovalute va sempre più di moda e spopola non soltanto nel mondo dei nerd

Bitcoin
Bitcoin Pixabay

Chi non è interessato ad aprire il miglior conto trading? Oggi il settore delle criptovalute va sempre più di moda e spopola non soltanto nel mondo dei nerd. Anche quelle persone che fino a pochissimo tempo fa si sarebbero dette completamente disinteressate, se non addirittura restie per sfiducia, riguardo a questo argomento, adesso proprio quelle persone sono le prime a chiedere e cercare informazioni attraverso molteplici canali.

Il principale canale attraverso il quale possiamo forse imparare qualcosa di interessante e davvero utile sul trading online è internet. Il web d’altronde è una risorsa infinita e un tesoro incalcolabile dal punto di vista culturale.

Grazie alla grande mole di informazioni (purtroppo spesso pure sbagliate, ma tralasciamo la cosa per adesso), persino la gente che non ha studiato determinate materie può trovare la cognizioni che servono per farsi una cultura soddisfacente in vari campi. A maggior ragione questo può accadere con il trading online.

Il trading online è una materia che (lo dice anche il nome) non può che essere studiata in maniera teorica e messa in pratica proprio nel mondo virtuale della rete. I maggiori esperti degli investimenti non si sono formati qui, ma hanno saputo costruire un sistema che permetta a tutti di diventare bravi in questo genere di cose grazie ai milioni di canali che è possibile sfruttare nell’etere.

Adesso i trader che aprono conti online spuntano come funghi e, strano ma vero, molti di loro ce la fanno sul serio a guadagnare soldi con questo mestiere.

Sì, mestiere: non è un hobby investire soldi per se stessi o per conto di altri. Si tratta di un vero e proprio lavoro per cui bisogna faticare moltissimo. E non è sempre facile sbarcare il lunario.

Quelli meno volenterosi e appassionati si arrendono subito in genere. Altri si fanno dissuadere dal primo sentore di sconfitta. Altri ancora arrivano irrimediabilmente a perdere tutti quanti i loro risparmi e solo allora capiscono che non sono portati (cosa alquanto opinabile) e gettano la spugna.

La verità è che, se anche il mestiere del trader non è fatto per tutti, sicuramente molta pratica e la guida di qualche esperto nel portale dedicato giusto possono portare chiunque a vedere dei risultati tangibili. E dare notevoli soddisfazioni in termini economici.

Le truffe negli investimenti online: come starne alla larga

Dicevamo prima, e poi abbiamo cambiato discorso, che non tutte le informazioni che si trovano su internet sono corrette. Alcune sono false; altre vengono scritte in maniera sbagliata apposta per far cascare «gli allocchi» e approfittarsi delle persone più deboli e vulnerabili.

Questo è il caso dei siti di trading truffa o delle mail che spesso ti arrivano (e se sei fortunato, finiranno subito in spam) e nelle quali ti si chiede di cliccare su un link per accedere a dei fantomatici conti. Oppure un trader professionista ti chiede di iscriverti a un sito, inserendo tutti i tuoi dati sensibili, perché tramite quello otterrai la soluzione al risanamento delle tue finanze: tanti soldi, immediati e facili da fare. Troppo bello per essere vero? Allora è una truffa in piena regola.

Non cascarci. Il vero trader professionista che vuole fare di te una star sarà sincero: questo è un duro lavoro, ma i soldi sono veri e… qualcuno dovrà pure farlo.

Investimento nelle criptovalute: quali sono i rischi principali

Partendo dal presupposto che esistono sempre pericoli nel momento in cui si decide di iniziare un percorso di investimento, a prescindere dal settore su cui si sceglie di investire.

Ed ecco perché anche gli investimenti nelle criptovalute possono avere dei rischi.

A prescindere dal fatto che ci possono essere sempre delle truffe e su questo bisogna stare molto attenti ,ci sono due rischi principali con i quali bisogna fare i conti se si decide di investire nelle criptovalute.

In primis parliamo del fatto che questo settore è caratterizzato da una certa volatilità e soprattutto c'è da tenere in conto che uno stato improvvisamente potrebbe vietare le criptovalute perché ha il potere di farlo.

Questo significa che nel momento in cui si decide di investire in criptovalute bisogna farlo con una consapevolezza ben precisa e c'era questo asset a differenza di quelli più tradizionali come le azioni ha un profilo di rischio maggiore in quanto il trading sulle azioni Non può essere vietato da nessuno stato.

Per fare trading con le criptovalute non c'è solo il Bitcoin

Altra cosa da considerare è che nel momento in cui si vuole investire sulle criptovalute si potrà scegliere tra tantissime opzioni mentre fino a un po' di tempo fa significava solo puntare sui Bitcoin.

In questo momento invece c'è l'imbarazzo della scelta, anche se comunque Bitcoin resta la criptovaluta più importante e più famosa, nonostante relativamente al peso che ha sulla capitalizzazione totale del settore ha avuto un calo.

Basti pensare che nel 2017 la quota di Bitcoin sul mercato delle criptovalute arrivava al 90% mentre in questo momento è scesa circa il 50% nel senso che ci sono altri aspetti che si sono fatti spazio tra le criptovalute in tal senso a maggiore capitalizzazione ci sono ethereum e XRP, ma anche altre.

Quindi l'elenco degli asset su cui si può investire è lungo e l'unico parametro a disposizione per la scelta è il livello di capitalizzazione, nel senso che maggiore sarà alto questo livello di una singola crypto più alta sarà la stabilità garantita da essa.

Ovviamente dopo aver letto tutto questo una persona si chiederà alla fine se è conveniente investire sulle criptovalute e la domanda è inevitabile dopo l'emergenza covid che ancora non è finita.

Ma come la maggior parte delle persone ricorderanno quando i mercati mondiali crollarono un anno e mezzo fa per l'esplosione della pandemia, il Bitcoin è uscito comunque imporsi come rifugio in un contesto generale di perdita.

In quel momento tutti pensavano che l'economia avrebbe subito delle gravi perdite ed è successo che le banche centrali hanno adottato una politica all'insegna dell' allentamento,mentre i governi sono intervenuti fortemente immettendo risorse.

Di sicuro però quello che si è visto è che le criptovalute hanno avuto successo e che fare Trading puntando su di loro conveniva.

Quindi quello che c'è da fare è scegliere un broker di alto livello e cominciare a sperimentare magari provando un conto demo e cioè facendo trading in modo virtuale senza correre il rischio di perdere denaro