25 giugno 2019
Aggiornato 21:30
criptomonete

Coinbase ha prelevato più soldi dai conti correnti (ma non è colpa sua)

Coinbase ha prelevato per sbaglio molti più soldi del dovuto dai conti bancari di alcuni utenti. Ecco perchè

Coinbase ha prelevato più soldi dai conti correnti (ma non è colpa sua)
Coinbase ha prelevato più soldi dai conti correnti (ma non è colpa sua) ( Shutterstock )

MILANO - E’ bufera nel mondo degli appassionati di criptovalute. Coinbase, uno dei più importanti siti per comprare Bitcoin e altre valute virtuali, ha prelevato per sbaglio molti più soldi del dovuto dai conti bancari di alcuni utenti. Le prime testimonianze sono apparse sul social network Reddit, dove diverse persone hanno affermato di assistere a strani addebiti sulle loro carte di credito e di debito. Non si sa di quante persone si stia parlando, ma c’è gente che dice di aver perso decine di migliaia di dollari.

Mentre inizialmente non era chiaro cosa stesse causando il problema (alcuni sostenevano addirittura che Coinbase stesse ritirando denaro non autorizzato dai conti bancari degli utenti), ora l’azienda avrebbe ammesso il fatto. Secondo Coinbase, si tratta di un problema relativo ai binari per l'elaborazione delle carte di credito e può essere ricondotta a Visa. In particolare, è il risultato dell'inversione e del riaddebito delle spese pregresse da parte di Visa a seguito della decisione di classificare le transazioni in Coinbase come «anticipazioni in contanti».

La settimana scorsa, infatti, la maggior parte delle banche e degli emittenti di carte ha modificato il Merchant Category Code (MCC) per Coinbase, il che significa che tutte le transazioni sarebbero ora classificate come anticipazioni in contanti (il che di solito significa che la vostra banca addebita una commissione più elevata). Naturalmente nessuna di queste commissioni extra va a Coinbase.

Anche se si suppone che tali modifiche siano applicate solo alle transazioni future, sembra che Visa (ma non MasterCard o qualsiasi altra rete di carte) abbia invertito e ricaricato alcune transazioni avvenute tra il 22 gennaio e l'11 febbraio, al fine di classificarle nel nuovo MCC.

Tutte queste transazioni sono state rimborsate e ricaricate allo stesso tempo, il che significa che teoricamente gli utenti non avrebbero dovuto notare nulla oltre all'aumento della commissione attribuita al nuovo codice MCC. Ma, come è noto a chiunque conosca lo spazio per i pagamenti, i sistemi bancari e le carte di credito raramente si aggiornano istantaneamente, soprattutto per i rimborsi che possono richiedere più giorni. Questo ritardo significa che alcuni utenti potrebbero veder passare la seconda tassa prima del rimborso, che senza chiarimento, apparirebbe semplicemente come una duplicazione.

In definitiva, tutti gli utenti dovrebbero essere rimborsati al più presto. Coinbase ha dichiarato che sta lavorando con Visa per assicurarsi che questo accada, e si rivolgerà anche ai clienti potenzialmente interessati esortandoli a verificare e assicurarsi che la loro cronologia delle transazioni sia accurata. Chi crede di aver ricevuto un prelievo eccessivo deve contattare il servizio clienti della propria carta di credito e della propria banca, e poi rivolgersi a quello di Coinbase.