31 maggio 2020
Aggiornato 21:00
digital payments

FinTech: in Italia arriva Circle Pay, ma funzionerà?

L'app Circle Pay dà agli utenti la possibilità di scambiare denaro tra singoli e all’interno dei gruppi. Ma i competitor sono molti. Ce la farà?

FinTech: in Italia arriva Circle Pay, ma funzionerà?
FinTech: in Italia arriva Circle Pay, ma funzionerà? Shutterstock

MILANO - Sbarca in Italia Circe, startup fintech irlandese già presente negli Stati Uniti e Regno Unito, la cui app, disponibile per iOS e Android dà agli utenti la possibilità di scambiare denaro tra singoli e all’interno dei gruppi, per dividere il conto di una cena o per fare spese condivise senza grandi difficoltà, ma anche per trasferire soldi da un Paese all’altro.

Scambiarsi soldi come mandare un sms
I pagamenti tra i privati diventano quindi semplici come mandare un messaggio. «Siamo convinti che i pagamenti non genereranno più reddito per gli operatori finanziari - afferma Jeremy Allaire, Ceo e co-fondatore della startup -: abbiamo capito che le persone vogliono scambiarsi soldi esattamente come si mandano mail o sms via telefonino, in modo semplice, istantaneo e gratuito». A necessitare di innovazione sono soprattutto i giovani millenials, che hanno bisogno di avere soluzioni facilmente accessibili, semplici e in qualsiasi momento.

La vera innovazione è la blockchain
La vera innovazione tecnologica che sta alla base di Circe è la blockchain, la quale permette di far circolare il denaro come l’informazione, in maniera aperta, gratuita, istantanea, globale. Proprio i protocolli alla base della criptovaluta permettono a Circle Pay di offrire il servizio in modo totalmente gratuito e senza alcun costo di transazione. L’applicazione prevede una registrazione molto snella, anche attraverso Facebook, avviene in pochi clic e richiede il possesso di una carta di credito (solo Mastercard o Visa), ma si può attivare anche con l’indicazione di un conto corrente bancario. Una volta conclusa la procedura si è subito operativi ed è possibile inviare denaro scegliendo la valuta tra euro, dollari e sterline, senza tassi di cambio. Per inviare denaro è sufficiente avere il numero di telefono cellulare o l’email della persona, e tutto avviene con la stessa semplicità di un sms, anzi l’app permette di attivare una vera e propria chat fino a 20 persone contemporaneamente per scambiarsi messaggi e denaro.

I limiti
La startup irlandese, con sede a Dublino, non ha, tuttavia, terreno spianato, a causa dei sempre maggiori competitor che si stanno affacciando sul settore. Transazioni senza costi tra persone sono infatti possibili usando PayPal, ma anche Facebook e a breve probabilmente WhatsApp che ha già avviato una serie di test, replicando un meccanismo ben consolidato in Cina con WeChat. Circe Pay, inoltre, non consente di effettuare pagamenti verso aziende e servizi, quindi non rappresenta uno strumento alternativo di pagamento puro come Satispay che ha da poco raccolto ulteriori 18 milioni di investimenti per rafforzare la sua diffusione.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal