fake news

Fake news, chi condivide troppo su Facebook sarà penalizzato

La novità riguarda i singoli utenti e non gli editori e solo i link esterni. Non sarà invece penalizzato chi condivide principalmente foto, video e aggiornamenti di stato

Facebook, chi condivide troppo sarà penalizzato
Facebook, chi condivide troppo sarà penalizzato (ANSA)

MILANO - Chi condivide troppo, sarà penalizzato da Facebook. E’ questa l’ultima trovata di Mark Zuckerberg per combattere il fenomeno delle fake news che ha colpito negli ultimi mesi il social network facendo diventare Facebook ’quasi’ una piattaforma per informazioni spazzatura. Chi condivide senza sosta link esterni per attirare sempre più utenti sarà messo al palo. Il limite? 50 post al giorno, esclusi gli aggiornamenti di stato, le foto, i video e post personali. Nel mirino di Facebook ci sono i link esterni diventati ormai troppo popolari, mediocri e inutili sulla piattaforma.

Chi condivide troppo sarà penalizzato
L’obiettivo è, ovviamente, combattere le fake news. Mark e suoi, infatti, pensano che gli utenti che condividono in modo massiccio sul social network altro non farebbero che postare spam e fake news. Poco importa se si tratta di bot: coloro che faranno un uso troppo inteso di Facebook saranno penalizzati e i loro contenuti non saranno più spinti in alto all’interno dei News Feed degli altri iscritti. Secondo Facebook, infatti, questi contenuti contengono spesso click-bait o titoli esca che hanno il solo scopo di attirare le persone e non di fare vera informazione.

Non cambia per gli editori
Niente da temere, invece, per gli editori. Queste pagine, infatti, non saranno penalizzate dalla nuova modifica dell’algoritmo volta a toccare solo i singoli utenti che condividono in modo massiccio link esterni all’interno della piattaforma. La modifica, come abbiamo detto, non toccherà foto e video.