17 settembre 2019
Aggiornato 16:00
linkedin mantiene suo brand

Perché Microsoft compra LinkedIn e spende 26,2 miliardi di dollari

LinkedIn manterrà comunque il proprio brand distintivo e l'amministratore delegato Jeff Weiner conserverà il proprio incarico

NEW YORK - Fusione senza paragoni nel settore tecnologico statunitense. Microsoft ha rilevato LinkedIn, il social network dedicato al mondo del lavoro, per 196 dollari per azione in contanti, nell'ambito di un'operazione valutata 26,2 miliardi di dollari.

LinkedIn mantiene il suo brand
Un’acquisizione «amichevole» dove la transazione è stata, infatti, approvata all’unanimità da entrambi i consigli di amministrazione e dove LinkedIn "manterrà il proprio brand distintivo, cultura e indipendenza" e l'amministratore delegato Jeff Weiner conserverà il proprio incarico, riferendo direttamente a Satya Nadella, numero uno di Microsoft. Microsoft prevede che LinkedIn avrà un impatto minimo, pari a circa l'1%, sull'utile al netto di voci straordinarie per gli anni fiscali 2017 e 2018, quindi dovrebbe cominciare a incidere in positivo a partire dall'anno fiscale 2019. Alla chiusura, i risultati di LinkedIn saranno pubblicati insieme a quelli della divisione Productivity and Business Processes di Microsoft. Microsoft inoltre prevede di completare entro il 31 dicembre l'esistente piano di riacquisto di titoli propri da 40 miliardi di dollari, come previsto. Non è la prima volta che Microsoft fa acquisti multimiliardari, anche se si è trattato di investimenti poco redditizi. Ha pagato 9 miliardi di dollari per acquistare la divisione smartphone di Nokia e più di 6 miliardi per aQuantive, un gruppo che si occupa di pubblicità su Internet. Il colosso tuttavia ha deciso di venderle entrambe perdendo denaro. In questo momento il titolo di LinkedIn, che nel premercato a Wall Street viaggiava in rialzo del 48%, continua a +46,82% a quota 192,49 dollari ad azione. Microsoft invece ha migliorato e continua perdendo il 2,63% a 50,125 dollari ad azione. Sono ancora pochi i dettagli relativi a come Microsoft intenderà utilizzare l’acquisizione: è probabile che la situazione potrà rischiararsi a partire dalle prossime ore, a seguito della conferenza ufficiale del colosso di Redmond. Ciò che emerge con particolare precisione, tuttavia, è che Microsoft sta spostando sempre più la sua attenzione verso il mercato del business.

Microsoft rilancia LinkedIn
Si tratta, del resto, di una mossa che fa parte della strategia del colosso statunitense tesa a rafforzare la sua presenza nelle attività online, soprattutto quando si tratta di imprese. Il social network, infatti, è diventato uno dei maggiori punti di incontro tra i candidati e le aziende, trasformandosi, peraltro, in uno strumento da valutare alla pari, se non maggiormente, di un contenitore di curriculum. Buona parte delle aziende, infatti, è solita visionare i profili LinkedIn dei papabili dipendenti prima di procedere con colloqui ed eventuali assunzioni. LinkedIn vanta oggi ben 430 milioni di utenti nel mondo, in aumento del 19% nell’ultimo anno. «La squadra di LinkedIn ha fatto crescere un business fantastico che colllega i professionisti a livello globale - ha dichiarato il chief executive di Microsoft Nadella - Assieme possiamo accelerare la crescita del gruppo». Weiner da parte sua ha sottolineato l'importanza e il nuovo potenziale della combinazione tra «i servizi cloud di Microsoft e il network di LinkedIn» su scala globale.