23 ottobre 2019
Aggiornato 04:00
Realizzato dall'Ateneo per ESA software di controllo

Satelliti Galileo «sotto il controllo» dell'Università di Pisa

I ricercatori dell'Università di Pisa hanno realizzato il software per controllare il buon funzionamento dei satelliti del sistema di navigazione Galileo.

PISA - I ricercatori dell'Università di Pisa hanno realizzato il software per controllare il buon funzionamento dei satelliti del sistema di navigazione Galileo.
Il lavoro, commissionato dall'Agenzia spaziale europea (Esa), è durato per tutto il 2014 ed è stato svolto nel laboratorio di elaborazione dei segnali per telecomunicazioni coordinato dal professore Marco Luise del dipartimento di Ingegneria dell'Informazione. Dall'inizio del 2015 - si legge in una nota dell'Ateneo - è quindi partita la raccolta e l'interpretazione dei dati provenienti dallo spazio da parte dei ricercatori dell'Ateneo pisano e del Centro ESTEC dell'Esa.

MONITORAGGIO IN TEMPO REALE - «Grazie al nostro software - ha spiegato Marco Luise - possiamo tenere costantemente sotto controllo i segnali emessi dai satelliti Galileo monitorandone in tempo reale l'accuratezza e la stabilità, parametri fondamentali per garantire la precisione dei navigatori satellitari. La visualizzazione dei dati avviene mediante appositi diagrammi che misurano i parametri di qualità dei satelliti in modo da segnalare precocemente eventuali malfunzionamenti».
L'Ateneo pisano ha una lunga tradizione di cooperazione con l'Esa nei vari campi della scienza e dell'ingegneria necessarie allo sviluppo e al completamento della costellazione di satelliti Galileo, dal lancio al controllo di un satellite, allo sfruttamento dei dati prodotti dagli strumenti di bordo.