30 settembre 2020
Aggiornato 01:30
Emergenza sbarchi

«800.000 migranti in Libia pronti a partire per l'Europa»

La stima del ministro della Difesa francese Jean-Yves Le Dria: «Il governo libico deve dire come intende operare per affrontare la situazione. Bisogna evitare che il traffico di migranti vada a rafforzare Daesh».

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2016/03/20160324_video_13201339.mp4

PARIGI - Ci sono «centinaia di migliaia» di migranti concentrati in Libia, in attesa di poter arrivare in Europa: lo ha dichiarato il ministro della Difesa francese, Jean-Yves Le Drian, parlando a radio Europe 1. Secondo il responsabile della difesa, circa 800.000 migranti sono pronti in Libia a intraprendere la traversata del Mediterraneo verso le coste europee.
«Il governo libico deve dire come intende operare per affrontare la situazione. Bisogna evitare che il traffico di migranti vada a rafforzare Daesh, tramite risorse finanziarie supplementari che potrebbe ricevere» dal business delle traversate verso l'Europa, ha aggiunto Le Drian.

L'inviato ONU deve rinunciare alla visita a Tripoli
Intanto l'inviato speciale delle Nazioni Unite per la Libia, Martin Kobler, «è stato costretto» a rinunciare alla visita programmata nella capitale Tripoli. A bloccare il suo arrivo è stato il governo islamico che da oltre un anno e mezzo controlla la capitale ma che non è riconosciuto dalla comunità internazionale.

(immagini AFP)