14 novembre 2019
Aggiornato 23:30
Russia-Cina

Il Dragone è sempre più presente nell'agenda di Vladimir Putin

In viaggio verso Est, pochi giorni dopo il Forum Economico di San Pietroburgo, il presidente russo rivedrà il collega Xi Jinping, dopo che quest'ultimo è stato ospite d'onore per tutta la durata della manifestazione economica sul Baltico

Xi Jinping e Vladimir Putin
Xi Jinping e Vladimir Putin ANSA

MOSCA - Il Dragone è sempre più presente nell'agenda molto intensa di Vladimir Putin. In viaggio verso Est, pochi giorni dopo il Forum Economico di San Pietroburgo, il presidente russo rivedrà il collega Xi Jinping, dopo che quest'ultimo è stato ospite d'onore per tutta la durata della manifestazione economica sul Baltico. Secondo quanto si apprende dall'ufficio stampa del Cremlino il 13-14 giugno a Bishkek (Repubblica del Kirghizistan) si terrà una riunione del Consiglio dei capi degli Stati membri della Shanghai Cooperation Organisation. A margine di esso, oltre alle riunioni di rito e ai bilaterali previsti, il 14 giugno Putin incontrerà il presidente della Repubblica popolare cinese con il presidente della Mongolia, Khaltmaagiin Battulga. Il tris non può passare inosservato dopo le esercitazioni militari su larga scala russo-cinese-mongole «Vostok-2018» che hanno avuto luogo sul territorio del distretto militare orientale della Federazione Russa a settembre dello scorso anno.

Inoltre - dicono dall'ufficio stampa del Cremlino - il 14-15 giugno, il presidente della Russia visiterà Dushanbe per partecipare al vertice della Conferenza sulle misure di interazione e rafforzamento della fiducia in Asia (si tiene una volta ogni quattro anni, il Tajikistan è presidente nel periodo 2018-2020). Il tema è «Una visione condivisa di una regione asiatica più sicura e più prospera». La Conferenza comprende, oltre alla Cina altri 26 paesi (Azerbaigian, Afghanistan, Bangladesh, Bahrain, Vietnam, Egitto, Israele, India, Giordania, Iraq, Iran, Kazakistan, Cambogia, Qatar, Kirghizistan, Mongolia, Emirati Arabi Uniti, Palestina, Pakistan e Repubblica di Corea, Russia, Tagikistan, Tailandia, Turchia, Uzbekistan, Sri Lanka) e 13 osservatori (Bielorussia, Indonesia, Laos, Malaysia, USA, Ucraina, Filippine, Giappone, nonché le Nazioni Unite, la Lega degli Stati arabi, l'Organizzazione internazionale per le migrazioni, l'OSCE Assemblea parlamentare dei paesi di lingua turca).

L'iniziativa per stabilire l'incontro è stata lanciata dal primo presidente della Repubblica del Kazakistan, Nursultan Nazarbayev, nel 1992, nella 47ª sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite. L'obiettivo è quello di creare un meccanismo di dialogo pan-asiatico per discutere le principali questioni regionali e sviluppare la cooperazione tra gli Stati partecipanti.

Putin incontrerà inoltre il Primo Ministro indiano Narendra Modi a margine del vertice SCO di Bishkek il 13 e il presidente iraniano Hassan Rouhani.