5 dicembre 2019
Aggiornato 16:01

Russiagate, due verità su Cohen a Praga. L'avvocato contro McClatchy

L'ex legale di Trump, che è stato condannato a tre anni di carcere questo mese dopo essersi dichiarato colpevole di evasione fiscale e altri reati, smentisce l'articolo pubblicato dal gruppo editoriale USA

Il Presidente americano, Donald Trump
Il Presidente americano, Donald Trump ANSA

NEW YORK - Michael Cohen, l'ex avvocato di Donald Trump, ha negato di aver mai visitato Praga, smentendo un rapporto secondo il quale nella capitale ceca avrebbe avuto un incontro con funzionari russi durante la campagna elettorale presidenziale del 2016.

«Ho sentito che #Prague #CzechRepublic è bella in estate», ha twittato Cohen. «Ma non posso saperlo, non essendoci mai stato. #Mueller sa tutto!» ha aggiunto Cohen con un riferimento al Consigliere speciale Robert Mueller, ex direttore dell'FBI che sta indagando sulla possibilità che lo staff elettorale di Trump abbia colluso con la Russia per farlo eleggere alla Casa Bianca Il tweet di Cohen è giunto diverse ore dopo che il gruppo editoriale Usa McClatchy ha riferito che i registri dei telefoni cellulari mostravano che Cohen era vicino a Praga nell'estate del 2016, a sostegno delle affermazioni che aveva incontrato lì con funzionari russi.

Cohen, che è stato condannato a tre anni di carcere questo mese dopo essersi dichiarato colpevole di evasione fiscale e altri reati, aveva negato in precedenza di aver mai visitato Praga. Cohen ha collaborato negli ultimi mesi con l'ufficio del Consigliere speciale, ma i dettagli della sua collaborazione con l'inchiesta di Mueller non sono stati resi pubblici. Trump nega con veemenza ogni collusione con la Russia e ha definito l'inchiesta di Mueller come una «caccia alle streghe politica».

Il presunto incontro tra Cohen e funzionari governativi russi a Praga è stato per la prima volta riportato in un documento con materiale compromettente su Trump compilato dall'ex spia britannica Christopher Steele. Secondo quello che è divenuto noto come il «dossier Steele», Cohen ha tenuto un incontro clandestino con i funzionari del Cremlino a Praga nell'agosto 2016 per discutere dei collegamenti nascosti tra i membri della campagna di Trump e la Russia.

McClatchy, editore del Miami Herald e di altri giornali, ha sostenuto che un telefono cellulare riconducibile a Cohen ha inviato per un breve periodo segnali dalle torri cellulari nell'area di Praga a fine estate 2016. «La breve attivazione da parte del telefono di Cohen vicino a Praga ha inviato un segnale che ha lasciato una firma elettronica tracciabile», ha detto. Citando «quattro persone con conoscenza della questione», McClatchy ha detto che le evidenze elettroniche sostengono «la tesi che Cohen si è incontrato segretamente lì con funzionari russi». «Durante lo stesso periodo di fine agosto o inizio settembre (2016), le intercettazioni elettroniche di un'agenzia di spionaggio dell'Europa orientale hanno intercettato una conversazione tra russi, uno dei quali ha osservato che Cohen era a Praga», ha detto McClatchy «due persone che hanno familiarità con l'incidente» come dire.

Tra i reati per i quali Cohen si è dichiarato colpevole c'è quello di aver mentito al Congresso sullo stato di un progetto immobiliare di Trump a Mosca. Cohen ha riconosciuto che i colloqui per costruire una Trump Tower a Mosca sono proseguiti almeno fino a giugno 2016, sei mesi in più rispetto a quanto aveva dichiarato al Congresso in precedenza.