15 settembre 2019
Aggiornato 09:30
Terrorismo

Venezuela, attacco alla Corte Suprema con un elicottero: colpo di Stato?

Lanciate granate da un elicottero della polizia sulla Corte Suprema a Caracas, in Venezuela. Il Governo ritiene si tratti di un attacco terroristico. La dichiarazione del presidente Maduro

CARACAS – Atto terrorista a Caracas, così lo ha definito il Governo del Venezuela, dove ieri un elicottero della polizia ha attaccato le sedi del Ministero dell’Interno della Corte suprema tra numerosi spari e il lancio di almeno quattro bombe granate. Dell’atto è stato anche pubblicato un video (che si può vedere QUI) realizzato dallo stesso agente responsabile dell’atto. Nel video-manifesto, si richiama i militari a unirsi, insieme al popolo, contro Nicolas Maduro.

Atto terrorista
Secondo il presidente Maduro si tratta di un «atto terrorista» e il poliziotto Oscar Perez, che ha organizzato il tutto, sarebbe collegato all’ex governo Chavez. L’atto, sempre secondo il presidente, farebbe parte di una «offensiva insurrezionale della destra estremista», che vanta anche l’appoggio di governi stranieri. Ora la capitale venezuelana è blindata con un massiccio dispiegamento di forze di sicurezza. Durante una breve trasmissione a reti unificate, il ministro per la Comunicazione, Ernesto Villegas, ha raccontato cosa sarebbe accaduto e riportato la dinamica dell’attacco. Ha poi avvisato che il pilota dell’elicottero è attivamente ricercato dalle forze di sicurezza, e che sarebbe anche sotto inchiesta perché avrebbe avuto rapporti con la Cia e con l’ambasciata americana a Caracas. Anche il generale Miguel Rodriguez Torres, ex ministro degli Interni e della Giustizia del Governo Maduro, pare sia implicato nell’atto secondo quanto dichiarato da Villegas il quale, senza nominarlo apertamente, ha affermato che Torres «ha ammesso pubblicamente di essere in contatto con la Cia».

La dichiarazione del presidente
Questa la dichiarazione del presidente del Venezuela Nicolás Maduro in seguito all’attacco alla Corte Suprema «Questa persona ha gettato granate, una non è esplosa: era alla Corte Suprema di Giustizia. Avrebbe potuto provocare decine di morti o feriti, una tragedia. Hanno sparato dall’elicottero contro gli uffici della Corte Suprema e poi hanno sorvolato l’edificio del Ministero dell’Interno. Questa è il tipo di escalation armata che avevo denunciato. Questo è il tipo di stillicidio che ho denunciato, ho attivato le Forze Armate Nazionali Bolivariane per difendere il diritto alla pace e sono certo che prima o poi cattureremo l’elicotterista e gli artefici di questo attacco terroristico armato contro le istituzioni del paese, condanno questo attacco terroristico e chiedo che la MUD [coalizione di opposizione] condanni questo atto di violenza che è eminentemente un colpo di stato».