21 agosto 2019
Aggiornato 09:30
Il presidente della Commissione europea all'Asem

Barroso: "L'Asia non si illuda, la Ue ancora più forte"

Al via, oggi, il vertice euro-asiatico Asem a Milano. Il presidente della Commissione europea, Josè Manuel Barroso, nel corso del suo intervento all'Asia Europe Business si è rivolto ai capi di stato e governo asiatici ricordando loro che l'Europa dalla crisi sta uscendo più forte di prima: "Non sottovalutateci".

MILANO - Nel capoluogo lombardo, oggi, si è aperto l'atteso vertice euro-asiatico Asem, che vede riuniti circa cinquanta tra capi di stato e governo dell'Unione europea e dell'Asia. Il summit riveste un'enorme importanza, poiché, nella giornata di domani, vedrà l'incontro del leader russo, Valdimir Putin, e il presidente dell'Ucraina Petro Poroshenko. 

LA CRISI CHE RAFFORZA - Il presidente della Commissione europea, Josè Manuel Barroso, nel corso del suo intervento all'Asia Europe Business Forum, si è rivolto ai leader asiatici ammonendoli: l'Asia non creda che l'Europa stia uscendo dalla crisi indebolita, perché non è affatto così. Le dinamiche legate alla crisi economica, infatti, secondo Barroso, avrebbero reso l'Europa ancora più forte. «L'Europa sta superando la più grande crisi che ha avuto fin dall'inizio dell'integrazione negli anni 50, la parte peggiore è alle nostra spalle e adesso siamo orientati alla crescita, stiamo andando verso il risanamento grazie alle riforme europee e nazionali - ha detto - agli asiatici dico: non sottovalutateci, potete stare sicuri della resistenza di noi europei, stiamo uscendo dalla crisi più forti e dimostreremo il nostro impegno sulle riforme».

L'EUROPA HA BISOGNO DELLE RIFORME - Ha continuato il suo intervento, il presidente della Commissione europea, Josè Manuel Barroso, riportando i piedi a terra e affermando che il momento è ancora di estrema delicatezza e ciò di cui l'Europa oggi ha bisogno è una serie di riforme che sostengano la crescita: «Il risanamento in Europa, dobbiamo essere onesti, rimane fragile e deve essere sostenuto e rinvigorito in questo momento con le riforme».  Barroso va avanti e spiega che le riforme che si stanno portando avanti puntano in alto, poiché l'obiettivo è quello di risollevare l'economia in un tempo non troppo lungo e, soprattutto, col risultato dell'occupazione: «Gli sforzi sulla strada delle riforme devono continuare per ottenere una piena salute dell'economia queste riforme sono ambiziose perché creeranno risanamento nel medio termine e creeranno posti di lavoro. Porteremo avanti le nostre riforme - ha concluso - che ci porteranno a livelli più elevati di crescita».