14 dicembre 2019
Aggiornato 00:00

Putin: autogoal contro l'export

Secondo Putin, «le sanzioni occidentali sono una follia«. Si tratta di un boomerang che l'Ue lancia contro se stessa. Il leader del Cremlino non presta il fianco alle pseudo-minacce occidentali, anzi ritiene che rafforzeranno la determinazione della Russia a raggiungere i risultati prefissati.

MOSCA - Le sanzioni occidentali? Rendono più determinati i russi. Il presidente russo Vladimir Putin non presta il fianco a chi sostiene che le misure punitive occidentali stanno raggiungendo l'effetto desiderato e incalza: «I vincoli esterni rafforzano solo la nostra determinazione a raggiungere risultati in settori prioritari per lo sviluppo del Paese», ha detto. Per poi aggiungere che molti «seri investitori» hanno aumentato il loro «contributo» all'economia russa, proprio dopo l'entrata in vigore delle misure occidentali.

PUTIN: LE VOSTRE MINACCE SONO UN BOOMERANG - Insomma la crisi ucraina, secondo Putin, e la reazione di Ue e Usa hanno avuto effetti benefici, come sprone all'economia. L'Unione europea e gli Stati Uniti hanno varato divieti contro individui e aziende russe, e successivamente contro interi settori dell'economia russa. In risposta, la Russia ha limitato l'importazione di prodotti alimentari provenienti da Paesi che hanno imposto sanzioni: Stati Uniti, UE, Canada, Australia e Norvegia. Le sanzioni che costringono aziende straniere a rinunciare al business in Russia? Una «follia totale». Così il presidente Vladimir Putin ha descritto le azioni dei governi e dei Paesi che «limitano la propria attività all'estero». Un chiaro riferimento all'Ovest, agli Usa e alla Ue, che imponendo sanzioni contro la Russia, hanno proibito anche alle proprie banche e compagnie, energetiche e non solo, di portare avanti business con la Russia.

LO STATO AIUTERÀ LE IMPRESE DANNEGGIATE DALLE SANZIONI - Il presidente Vladimir Putin ha confermato che lo Stato fornirà assistenza ai settori dell'economia russa e alle aziende russe contro le quali l'Occidente ha imposto sanzioni. «Lo stato è pronto a fornire supporto per quei settori e aziende che si trovano ad affrontare indebite sanzioni esterne» ha detto, specificando che sarà fornita «assistenza per l'aumento di capitale, tenendo conto che prima di tutto, ovviamente, ci sono le istituzioni finanziarie» ha detto il Presidente, parlando al forum degli investimenti organizzato dalla banca VTB. «Proporremo un sistema per migliorare il clima imprenditoriale in Russia. Per lavorare con la comunità imprenditoriale: abbiamo già fatto le principali modifiche al quadro giuridico a livello federale e regionale, abbiamo rimosso molte delle barriere e ottimizzato le procedure amministrative», ha detto Putin.