26 gennaio 2020
Aggiornato 13:30
Stop gas russo a Ucraina

Kiev senza acqua calda fino a ottobre

Niente docce calde per i cittadini di Kiev fino a ottobre. Le autorità ucraine, a causa del taglio delle forniture di gas dalla Russia, hanno deciso di privare a partire da oggi le famiglie dell'acqua calda.

KIEV - Niente docce calde per i cittadini di Kiev fino a ottobre. Le autorità ucraine, a causa del taglio delle forniture di gas dalla Russia, hanno deciso di privare a partire da oggi le famiglie dell'acqua calda.
«Tutte le centrali termiche vedranno tagliato l'approvvigionamento di gas il 4 agosto», ha indicato la società privata Kievenergo, controllata dall'uomo più ricco del paese, Rinat Akhmetov.
In precedenza il sindaco di Kiev, Vitaly Klitschko, aveva spiegato che il taglio dell'acqua calda, che viene effettuato ogni estate per due o tre settimane, durerà quest'anno fino a ottobre.

Questa misura si spiega in particolare con il taglio a metà giugno del gas russo all'Ucraina, che rifiuta l'aumento del prezzo chiesto da Mosca.
«Noi siamo obbligati a rinunciare all'acqua calda per accumulare del gas nei depositi d'inverno. Io spero che gli abitanti della città lo comprenderanno», ha dichiarato Klitschko.
Un alto responsabile del comune di Kiev, Dmytro Novitski, ha lasciato intendere che la capitale resterà senza acqua calda fino al 15 ottobre.