25 luglio 2021
Aggiornato 17:30
Egitto

Rimessa in libertà la moglie di Mubarak

Ha versato tutti i suoi averi allo Stato

IL CAIRO - La moglie dell'ex presidente egiziano Hosni Mubarak è stata rimessa in libertà. Lo ha comunicato il ministero della giustizia egiziano con una nota.
La signora Mubarak, aveva anticipato una fonte, è stata liberata su cauzione. «L'inchiesta per arricchimento illecito prosegue ma la moglie dell'ex presidente non ha bisogno di restare in stato di detenzione perchè ha versato tutti i suoi averi allo stato. Sarà scarcerata sotto cauzione tra poco» aveva detto la fonte.

Secondo quanto scrive inoltre la stampa egiziana, in particolare il quotidiano al-Chorouk, l'ex presidente della repubblica egiziano Mubarak, dimessosi l'11 febbraio scorso, starebbe preparando una lettera in cui chiederebbe al popolo egiziano di perdonarlo e rivolgerebbe un appello per «un'amnistia».

Il giornale, che cita fonti ufficiali, scrive che Mubarak «prepara una lettera che sarà diffusa dalle emittenti egiziane e arabe, nella quale chiede perdono per sè e la sua famiglia per tutte le offese che ha causato alla popolazione....e per tutti i comportamenti sbagliati decisi a causa di errate informazioni dei miei consiglieri».

Come la moglie, Mubarak, inoltre, sarebbe pronto anche a donare tutte le sue «fortune» allo stato egiziano in modo da ottenere dalla giunta militare «un'amnistia». Il quotidiano aggiunge che questa ipotesi di amnistia starebbe prendendo quota in varie ambienti politici e militari. L'amnistia riguarderebbe Mubarak, sua moglie Suzanne e i due figli, Alaa e Gamal, attualmente detenuti nel carcere di Tora, a sud del Cairo. Mubarak e la moglie, invece, sono agli arresti presto un ospedale di Sharm el Sheick.