8 aprile 2020
Aggiornato 18:30
Iran

L'Avvocato di Sakineh: può essere giustiziata presto

Anche il figlio della donna ha espresso lo stesso timore

ROMA - Sakineh Mohammadi Ashtianis, la donna iraniana condannata in Iran alla lapidazione per adulterio potrebbe essere giustizia presto, subito dopo la fine del Ramadan, venerdì prossimo. Lo ha detto oggi l'avvocato della donna Javid Houtan Kian. La sentenza può avvenire in «qualsiasi momento», ha aggiunto il legale. Anche il figlio della donna, Sajjad Qaderzadeh, 22 anni, ha espresso lo stesso timore nel corso di una conversazione telefonica con lo scrittore e filosofo francese Bernard-Henri Levy.

FRATTINI - Ma il ministro degli Esteri italiano Franco Frattini, parlando al Tg1 Rai, ha detto stasera che «nessuna decisione è stata presa» sulla sorte della donna. «Il nostro ambasciatore ha incontrato le autorità di Teheran» ha aggiunto Frattini, «ci hanno confermato» che per ora non è stata presa «nessuna decisione». «La lapidazione per ora non ci sarà», ha spiegato il titolare della Farnesina.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal