28 maggio 2020
Aggiornato 21:00
Religione & Società

Il Papa incontra i vescovi irlandesi: cooperare con i Giudici

La line della «tolleranza zero». In arrivo una lettera del Pontefice ai fedeli d'Irlanda

CITTÀ DEL VATICANO - Ancora parole nette, dure. La linea di «tolleranza zero» adottata dal Papa sullo scandalo dei preti pedofili viene confermata anche all'incontro che Ratzinger ha convocato in Vaticano con i vescovi irlandesi dopo le denunce di due rapporti statali sui maltrattamenti negli istituti religiosi e sugli abusi sessuali coperti compiuti da preti irlandesi nei decenni passati e coperti da alcuni presuli. Reagiscono con delusione alcune delle associazioni di vittime. La Santa Sede, però, avverte che «l'attuale, dolorosa situazione non verrà risolta velocemente». A marzo, tempo di Quaresima, intanto, è prevista la pubblicazione della lettera che Benedetto XVI indirizzerà direttamente ai cattolici irlandesi.

COOPERARE CON I GIUDICI - Il Papa ha ascoltato per un giorno e mezzo, ieri e oggi, i vescovi irlandesi, li ha interrogati, si è intrattenuto con loro anche nelle pause. Ha pregato con loro. Alla fine, il Vaticano ha diffuso un comunicato che contiene una sostanziale novità. I vescovi irlandesi, vi si legge, «hanno evidenziato il proprio impegno a cooperare con le autorità giudiziarie in Irlanda, nel Nord e nel Sud, e con il National Board for Safeguarding Children della Chiesa cattolica in Irlanda per garantire che i criteri, le politiche e le procedure della Chiesa rappresentino la miglior pratica in questo settore». Sinora non era così. L'istruzione dottrinale 'Crimen sollecitationis' (1962), rivista dalla congregazione per la Dottrina della fede presieduta da Ratzinger con la lettera 'De delictis gravioribus' (2001), non prevede l'obbligatorietà della denuncia di casi di pedofilia alle autorità statali. La materia viene lasciata alle competenze dei tribunali religiosi.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal