17 novembre 2019
Aggiornato 16:00
Ecco perché si è rivelato al mondo

Bitcoin, svelata l'identità misteriosa del suo inventore: è l'australiano Craig Wright

Mistero svelato: Satoshi Nakamoto è Craig Wright. E' lui l'inventore del Bitcoin, la moneta digitale creata da un'identità segreta nel lontano 2009. Ma ecco perché Wright oggi si è rivelato al mondo

ROMA - Dopo anni di ipotesi, mistero svelato. Sarebbe l'imprenditore australiano Craig Wright l'inventore del Bitcoin, la moneta digitale introdotta per la prima volta nel 2009. Il creatore fino ad ora veniva identificato con un certo «Satoshi Nakamoto», ma Wright ha deciso di rivelare la sua identità alla Bbc, all'Economist e a GQ e infine sul suo blog, svelando chi si nasconde dietro allo pseudonimo.

Satoshi Nakamoto è Craig Wright
Ha fornito anche delle prove alla Bbc, apponendo la sua firma digitale su alcuni messaggi usando chiavi di crittografia elaborate mentre sviluppava la moneta virtuale, e spiegando che si trattava dei blocchi usati per mandare 10 bitcoin ad Hal Finney a gennaio 2009, ovvero la prima transazione in bitcoin. Svelandosi così al mondo, Wright spera di fermare le speculazioni su Satoshi Nakamoto.

Oggi sono in circolazione 15 mln di bitcoin
Diversi media, infatti, si sono lanciati in lunghe inchieste sul presunto creatore e a dicembre 2015, due riviste, Wired e Gizmodo, avevano già fatto il suo nome. Fosse stato per lui, avrebbe preferito restare misterioso: «Non voglio denaro, non voglio la fama, non voglio essere adorato. Voglio solo essere lasciato in pace», ha detto alla Bbc. Oggi i bitcoin vengono accettati come sistema di pagamento per una vasta gamma di beni e servizi, e si ritiene che ce ne siano in circolazione 15,5 milioni, ciascuno del valore di circa 449 dollari.