23 aprile 2019
Aggiornato 06:00
Politica economica

Il decretone è legge: tutte le novità per reddito di cittadinanza e quota 100

L'Aula del Senato ha completato la terza lettura del decreto legge su Reddito di cittadinanza e «quota 100», approvato definitivamente con 150 voti favorevoli , 107 contrari e 7 astenuti

Video Agenzia Vista

ROMA - Il decretone con il reddito di cittadinanza e quota 100 taglia il traguardo del Parlamento e dopo mesi di annunci e polemiche le due misure bandiera del governo giallo-verde, attese da milioni di italiani, diventano legge dello Stato. Con il reddito di cittadinanza, caposaldo del M5S, le persone e le famiglie in difficoltà economica da aprile avranno un livello minimo di sussistenza, mentre con la riforma della legge Fornero, cara alla Lega, chi ha raggiunto almeno 62 anni d'età e 38 anni di contributi potrà lasciare in anticipo il lavoro facendo domanda di pensione anticipata tramite quota 100.

Con l'ultimo ok del Senato, che ha approvato in via definitiva il provvedimento con 150 sì, l'iter parlamentare del decretone si è concluso dopo due mesi (era stato varato in Consiglio dei ministri lo scorso 17 gennaio e pubblicato in Gazzetta il 28). Molte le novità approvate nel corso dell'esame alla Camera e al Senato, ma nessuna che stravolge l'impostazione delle misure. Il vero braccio di ferro si è giocato in precedenza durante il difficilissimo esame delle legge di bilancio che ha visto più volte il governo sull'orlo della crisi. In quella sede, dopo un duro contenzioso con Bruxelles, l'esecutivo era stato costretto a un taglio netto delle risorse a disposizione delle due misure, riducendone di fatto la portata rispetto agli annunci iniziali. Per quest'anno per reddito e pensione di cittadinanza lo Stato sborserà 7,1 miliardi, mentre per la revisione del sistema pensionistico per il primo anno serviranno quasi 4 miliardi (3,9 miliardi) che aumenteranno via via con gli anni.

Visti gli esigui spazi finanziari, dal Parlamento nei due mesi di esame non sono arrivate modifiche di peso che richiedessero importanti coperture, in compenso sono tante le novità approvate. In particolare, molti vincoli e paletti sui furbetti del reddito a partire da quelli del divorzio fino ai finti genitori single. Arriva anche una stretta sul beneficio per gli extracomunitari, vengono intensificati i controlli con nuove assunzioni nella Gdf e nei carabinieri, viene erogato un beneficio extra fino a 50 euro per il reddito alle famiglie numerose e con disabili e arriva lo stop al reddito per coloro che hanno guai con la giustizia (con la norma battezzata 'anti clan Spada'). Dopo un duro braccio di ferro con le Regioni, inoltre, il decretone ha recipito l'intesa sui navigator (i tutor che dovranno accompagnare i percettori del reddito nella ricerca di un lavoro) che sono stati ridotti da 6mila a 3mila.

E ancora, è stato superato il limite dei 45 anni per il riscatto agevolato della laurea, è stata introdotta della figura del vicepresidente Inps e la possibilità di ritirare la pensione di cittadinanza anche cash. Arrivano norme per la tutela della privacy, il prolungamento della pace contributiva e l'innalzamento a 45mila euro della soglia per l'anticipo del Tfs degli statali. Molte anche le promesse mancate. In particolare le tutele per i rider, annunciate e mai approvate, e il taglio alle pensioni dei sindacalisti su cui la maggioranza ha fatto dietrofront al Senato.

Queste le principali novità dell'iter parlamentare

FAMIGLIE NUMEROSE E CON DISABILI: i nuclei numerosi e con disabili a seguito di un ritocco della scala di equivalenza potranno ricevere fino a 50 euro in più al mese. Viene, inoltre, favorito l'accesso alla pensione di cittadinanza anche nei casi in cui uno o più componenti, pur avendo età inferiore ai 67 anni, siano in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza.

LAVORO PIU' VICINO PER FAMIGLIE CON DISABILI E MINORI: l'offerta di lavoro al familiare con disabile sarà definita congrua entro i 100 km di distanza da casa. Per un nucleo con figli minori, la terza offerta di lavoro sarà congrua se non eccede la distanza di 250 chilometri.

RISCATTO LAUREA ANCHE OLTRE GLI OVER 45: salta il tetto dei 45 anni per il riscatto agevolato della laurea. La norma, che consente anche di colmare eventuali buchi contributivi, è legata al vincolo temporale del 1996 anche per gli over 45. Infatti, la detrazione del 50%, a favore di chi riscatta gli anni di corso, è riservata a chi non ha contributi versati prima del 31 dicembre 1995.

ASSUNZIONI CARABINIERI E GDF PER CONTROLLI: per potenziare i controlli sui furbetti del reddito verranno assunti 100 nuovi finanzieri e 65 carabinieri.

RECEPITA INTESA CON REGIONI SU 3.000 NAVIGATOR: recepito l'accordo tra governo e regioni che prevede un piano straordinario triennale di potenziamento dei centri per l'impiego. Nel 2020 ci saranno 3mila assunzioni per i centri per l'impiego e ulteriori 4.600 l'anno successivo.

ARRIVA IL VICEPRESIDENTE DELL'INPS: viene istituita all'Inps la figura del vicepresidente non prevista finora dalla governance dell'istituto. Il vicepresidente scelto tra persone di «comprovata competenza e specifica esperienza gestionale» è nominato con decreto del presidente del Consiglio su proposta del ministro del Lavoro.

PATTO PER IL LAVORO ANCHE PER I WORKING POOR: saranno considerati disoccupati e potranno quindi aderire al Patto per il lavoro e ricevere le offerte dai centri per l'impiego anche i lavoratori dipendenti e autonomi che vengono pagati pochissimo, con un reddito inferiore alle detrazioni per lavoro dipendente.

PENSIONE DI CITTADINANZA ANCHE CASH: il beneficio potrà essere erogata con modalità diverse dalla card e attraverso gli strumenti in uso per il pagamento delle pensioni. Potrà essere quindi ritirato alle Poste o in banca anche in contanti.

VERIFICHE SU UN CAMPIONE DI BENEFICIARI: un campione di beneficiari del reddito, comunque non superiore al 5% della platea, sarà sottoposto ad un questionario per verificare il funzionamento del sistema. In cambio otterrà l'esenzione da alcuni obblighi ma non quello di dare disponibilità al lavoro e accettare offerte congrue.

SALVE PRIME DOMANDE: vengono fatte salve le domande per il reddito di cittadinanza presentate prima della conversione in legge del 'decretone'. Il beneficio verrà erogato fino a un massimo 6 mesi senza l'eventuale ulteriore documentazione che potrebbe essere introdotta nel corso dell'esame parlamentare.

ESCLUSO DA REDDITO E PENSIONE CHI HA IMMOBILI ALL'ESTERO: arriva una nuova stretta sugli stranieri: vengono esclusi dall'accesso al reddito e alla pensione di cittadinanza coloro i quali posseggono un immobile di valore superiore a 30.000 non solo in Italia ma anche all'estero.

NORMA ANTI-CLAN SPADA: arriva la norma 'anti-clan Spada' che sospende l'erogazione di reddito e pensione di cittadinanza per chi ha guai con la giustizia e non solo in caso di condanne definitive ma anche agli indagati o imputati. Lo stop del beneficio riguarda anche i latitanti.

STRETTA SU FINTI GENITORI SINGLE: i genitori single di minori che richiedereanno il reddito dovranno presentare un Isee che tenga conto della situazione patrimoniale e reddituale anche dell'altro genitore, anche nel caso in cui madre e padre non siano né sposati né conviventi. L'obbligo salta se uno dei due si è sposato o ha avuto figli con altri partner o se c'è un assegno di mantenimento stabilito dal giudice.

ANCHE DIS-COLL COMPATIBILE COL REDDITO: anche l'indennità per il lavoro parasubordinato Dis-Coll, così come la Naspi, sarà compatibile con il reddito di cittadinanza.

DOMANDE PER IL REDDITO ANCHE AI PATRONATI: arriva la possibilità di presentare ai patronati anche le richieste del reddito di cittadinanza, oltre a quelle della pensione di cittadinanza.

TRATTAMENTI TRENTO E BOLZANO FUORI DA CALCOLO REDDITO: le misure con finalità analoghe a quelle del reddito di cittadinanza adottate dalle Province autonome di Trento e Bolzano non sono computate ai fini dell'accesso, della quantificazione e del mantenimento del reddito.

PIÙ TEMPO PER NOMINA VERTICI ANPAL: il termine per la nomina del presidente e del direttore generale dell'Anpal fissato dall'ultima legge di bilancio passa da 30 a 120 giorni (a decorrere dal 1 gennaio 2019). Viene aumentato da 60 a 180 giorni il termine per l'adozione degli statuti della stessa Anpal e di Anpal Servizi Spa.

AI BENI CULTURALI 551 ASSUNZIONI: nuove assunzioni al ministero dei Beni culturali per far fronte a buchi d'organico legati alle uscite per quota 100.

ANTICIPO ASSUNZIONI IN SANITA': gli enti e le aziende del servizio sanitario nazionale possono avviare le procedure per l'assunzione non solo del personale già uscito per pensionamento ma anche di quello che si prevede in uscita in corso d'anno.

UN MILIONE IN PIÙ PER LE ASSUNZIONI INAIL: vengono aumentate di un milione, da 5,5 a 6,5 milioni di euro, le risorse a disposizione dell'Inail per assumere nuovo personale dedicato allo svolgimento dei nuovi compiti assegnati all'Istituto.

DEROGA PER UFFICI STAMPA REGIONI AUTONOME FINO AL 31/10: ai giornalisti degli uffici stampa delle regioni a statuto speciale e delle province autonome si continua ad applicare la disciplina riconosciuta dai singoli ordinamenti fino alla definizione di una specifica disciplina in sede di contrattazione collettiva e comunque non oltre il 31 ottobre 2019.

OFFERTE LAVORO TRAMITE SMS O MAIL: i centri per l'impiego e i Comuni potranno convocare i beneficiari del reddito di cittadinanza anche tramite mezzi informali quali sms o mail.

ADDIO FINESTRE PER PENSIONAMENTO LAVORATORI GRAVOSI: per chi svolge lavori gravosi per l'accesso all'ape social e alla pensione con quota 41 non servirà più aspettare la finestra di 3 mesi dalla maturazione dei requisiti.

GIRO DI VITE SUGLI STRANIERI: arrivano una serie di paletti per consentire agli stranieri di rientrare nella platea dei beneficiari del reddito di cittadinanza. La norma prevede che 'i cittadini di Stati non appartenenti all'Unione europea devono produrre apposita certificazione rilasciata dalla competente autorità dello Stato estero, tradotta in lingua italiana e legalizzata dall'Autorità consolare italiana' sia ai fini dell'accertamento del reddito e del patrimonio, sia ai fini della composizione del nucleo familiare.

STOP AI FURBETTI DEL DIVORZIO: arriva una misura contro i furbetti del divorzio. La proposta prevede che 'se la separazione o il divorzio è avvenuta successivamente alla data del 1 settembre 2018' per poter ottenere il reddito di cittadinanza 'il cambio di residenza deve essere certificato da apposito verbale della polizia locale'.

INCENTIVI ANCHE PER CONTRATTI DI APPRENDISTATO: gli incentivi alle imprese per l'assunzione a tempo pieno e indeterminato dei percettori di reddito di cittadinanza saranno riconosciuti anche per i contratti di apprendistato.

REVOCA REDDITO PER REATI DI MAFIA E TERRORISMO: il reddito di cittadinanza sarà revocato, con l'obbligo di restituire quanto percepito, dopo una sentenza passata in giudicato per reati di terrorismo e mafia e non solo a seguito di condanne per truffa aggravata.

MAXISANZIONE PER IMPIEGO IN NERO PERCETTORI: arriva una maxisanzione per i datori di lavoro che impiegano in nero percettori di reddito di cittadinanza. Si estende l'aumento del 20% delle sanzioni per il lavoro sommerso, previsto per chi impiega stranieri ireegolari o minori in età non lavorativa, anche a chi impiega percettori di Rdc.

STOP INCENTIVI PER IMPRESE NON IN REGOLA CON DISABILI: non potranno beneficiare dell'incentivo per l'assunzione di un percettore di reddito di cittadinanza quelle imprese che non sono i regola con le quote di occupazione di lavoratori disabili. Lo stop all'incentivo non si applica nel caso si stia assumendo un lavoratore, beneficario di incentivo, appartenente alle liste di collocamento di queste categorie protette.

RATE PIÙ LUNGHE PER PACE CONTRIBUTIVA: si allunga da 5 a 10 anni la rateizzazione della pace contributiva. La norma prevede l'estensione da 60 a 120 rate mensili, per un importo minimo di 30 euro, del meccanismo della cosiddetta pace contributiva.

ANTICIPO TFS SALE FINO A 45.000 EURO: l'anticipo del trattamento di fine servizio per i dipendenti pubblici che vanno in pensione con quota 100 viene aumentato da 30.000 a 45.000 euro 'ove il trattamento di fine servizio comunque denominato sia capiente'.

ASSUNZIONI NEGLI UFFICI GIUDIZIARI: potranno essere effettuate assunzioni negli uffici giudiziari per compensare le uscite per pensionamento legate a quota 100.

PRIVACY SPESE CON CARD REDDITO: il funzionamento del reddito di cittadinanza viene uniformato ai criteri fissati dal Garante della privacy, comprese le ricadute sul monitoraggio delle spese effettuate con la card. Lo Stato potrà monitorare 'i soli importi complessivamente spesi e prelevati' dalla carta.

LAVORI SOCIALMENTE UTILI FINO A 16 ORE SETTIMANALI: le ore obbligatorie di servizio socialmente utile nei Comuni per chi otterrà il reddito di cittadinanza saranno fino ad un massimo di 16 ore complessive settimanali con l'accordo delle parti.

OBBLIGO DI ACCETTARE LAVORO SE STIPENDIO DI ALMENO 858 EURO: l'obbligo di accettare un lavoro scatterà per i percettori del reddito di cittadinanza solo se lo stipendio sarà di almeno 858 euro.

PIU' TRASPARENZA SU TRATTENUTE SINDACALI: gli istituti di previdenza dovranno fornire 'precisa e puntuale informazione' sulle trattenute per quote sindacali inserite nel cedolino degli assegni pensionistici.

CONDIVISIONE DATI INPS CON ISPETTORATO: via libera alla condivisione delle banche dati dell'Inps con l'Ispettorato nazionale del lavoro. Saranno condivisi i dati anagrafici, il fascicolo elettronico aziendale, le retribuzioni annuali ai fini contributivi, i dati anagrafici dei datori di lavoro e dei lavoratori beneficiari di interventi Cig, malattia, maternità e assegni familiari, prestazioni di sostegno al reddito.

SEI MESI CIGS PER BLUTEC DI TERMINI IMERESE: il ministero del Lavoro può autorizzare l'Inps ad anticipare sei mensilità di cassa integrazione straordinaria per le imprese con oltre 500 dipendenti nelle aree di crisi complessa. La norma trova applicazione anche per i lavoratori della Blutec di Termini Imerese.

20 MLN PER LAVORATORI CALL CENTER: arrivano 20 milioni di euro nel 2019 dal Fondo sociale per l'occupazione e formazione per il finanziamento delle misure di sostegno al reddito per i lavoratori dipendenti dalle imprese del settore dei call center.