23 marzo 2019
Aggiornato 12:00
Vertice al Viminale sulla manovra

Cna soddisfatta: «Salvini disponibile su infrastrutture e Tav»

Il Presidente, Daniele Vaccarino: «Rilanciare investimenti e opere manutenzione, riforma appalti»

Daniele Vaccarino, Presidente della CNA
Daniele Vaccarino, Presidente della CNA ANSA

ROMA - «L'incontro di oggi è stato utile. Sul tema delle infrastrutture c'è una disponibilità da parte del ministro a non bloccarle, Tav compresa. Su questo c'è la volontà del vicepremier Salvini a lavorare». Così Daniele Vaccarino, presidente di Cna, al termine dell'incontro tra il vicepremier Matteo Salvini e 15 associazioni imprenditoriali che si è tenuto al Viminale.

PROPOSTE - «Abbiamo ribadito il nostro favore per l'aumento della deducibilità dell'Imu quest'anno, ma invitato anche a continuare su questa strada perché si arrivi alla totale deducibilità. Bene anche l'abolizione del Sistri, ma abbiamo ricordato che deve esserci una legge sulla tracciabilità dei rifiuti fatta nel modo più semplice possibile perché le imprese possano utilizzarla. Sulla riduzione dei premi Inail, per i quali è necessario un intervento del Governo, abbiamo avuto rassicurazioni sulla possibilità che sia trovata una soluzione già nella Legge di Bilancio», ha affermato Vaccarino.

INFRASTRUTTURE E TAV - «Complessivamente - ha concluso - abbiamo riscontrato un'attenzione particolare a tutte le tematiche che in rappresentanza delle imprese abbiamo portato al tavolo. Soprattutto abbiamo ribadito la necessità di una manovra che sia orientata sempre di più agli investimenti e al rilancio delle infrastrutture in generale. Che abbia attenzione alle opere di manutenzione, che sono quelle più vicine e con maggiori ricadute sul sistema delle piccole imprese. È stata sollecitata la questione della modifica della legge sugli appalti per semplificare le procedure e permettere alle piccole imprese una reale partecipazione».