20 settembre 2019
Aggiornato 20:30
Enogastronomia

Il vino italiano fa «lobbying» a Bruxelles

L'Organizzazione nazionale assaggiatori di vino (Onav) ha istituito la sua prima sezione estera proprio nella capitale belga per promuovere la cultura enologica italiana nel cuore dell'Europa

BRUXELLES – Il vino italiano fa «lobbying» a Bruxelles, grazie all'Organizzazione nazionale assaggiatori di vino (Onav) che ha istituito la sua prima sezione estera proprio nella capitale belga per promuovere la cultura enologica italiana nel cuore dell'Europa.

PERCHÈ A BRUXELLES - Onav Bruxelles è guidata dal delegato Roberto Scalacci, già punto di riferimento a Bruxelles per la Confederazione italiana agricoltori. «Non è un caso se abbiamo voluto che la prima delegazione estera fosse a Bruxelles - spiega Vito Intini, presidente Onav – perché riteniamo necessario essere presenti dove ogni giorno vengono prese decisioni importanti in tutti i settori produttivi, tra cui quello enologico che rappresenta, per l’Italia, un vero patrimonio. Un’esperienza importante per l’associazione che diventa fondamentale anche per la neonata Consulta Nazionale del Vino Italiano, di cui ho l’onore di essere tra i fondatori».

GIÀ 60 ASSAGGIATORI DIPLOMATI - Il lavoro svolto e le competenze acquisite da Onav grazie alla delegazione di Bruxelles diventano infatti preziose per ciò che la Consulta si propone come obiettivo, ovvero promuovere il vino italiano e la sua cultura millenaria attraverso azioni concrete sostenute in modo unitario da tutte le associazioni aderenti al progetto. Una sezione attiva e vitale, che ha già organizzato tre diverse sessioni di corsie diplomato quasi 60 assaggiatori.«Numeri che ci hanno dato notevole soddisfazione – racconta Scalacci – perché dimostrano l’interesse crescente per la cultura enologica del Belpaese, a tutti i livelli. La riprova è la partecipazione ai corsi di molti funzionari della Comunità Europea».

UNO SGUARDO ALL'ESTERO - E grazie all’esperienza di Bruxelles, le sezioni Onav all’estero sono destinate ad aumentare: oltre a quella già attivata a Shanghai, prossimamente saranno infatti inaugurate nuove delegazioni negli Usa, in America del Sud ed in altre importanti capitali europee.