31 maggio 2020
Aggiornato 19:00
Coprono tra il 75-90% del fabbisogno energetico della Muse School

Non solo film per James Cameron

La natura ha ispirato un altro progetto per la produzione di energia solare che questa volta ha preso spunto dai girasoli. Chi ha «piantato» le 5 strutture che non solo ricordano il fiore ma lo imitano seguendo il percorso del sole nel cielo così da catturarne fino all'ultimo raggio, non è un ingegnere ma il regista hollywoodiano di Aliens, Avatar, Terminator e Titanic

WASHINGTON – Non solo palme fotovoltaiche: la natura ha ispirato un altro progetto per la produzione di energia solare che questa volta ha preso spunto dai girasoli. Chi ha «piantato» le 5 strutture che non solo ricordano il fiore ma lo imitano seguendo il percorso del sole nel cielo, così da catturarne fino all'ultimo raggio, non è un ingegnere ma il regista hollywoodiano James Cameron, che ha girato Aliens, Avatar, Terminator e Titanic.

300 KWH AL GIORNO - Cameron ha installato i 5 grandi girasoli fotovoltaici, alti 5 metri e con un'apertura di 9 metri, nel campus della Muse School in California, la scuola che ha fondato con la moglie Suzy Amis. Il parco solare garantirà tra il 75 e il 90 per cento del fabbisogno energetico della scuola grazie alla sua produzione di 300 kwh al giorno. Come anticipato, questi enormi girasoli seguiranno il percorso del sole grazie a un software astronomico ma non solo: nel caso soffi troppo vento la struttura modificherà il proprio assetto così da non opporre troppa resistenza all'aria.

PROGETTO OPEN SOURCE - Cameron ha promesso che renderà il suo progetto open-source così che tutti possano prenderne spunto: «Ad oggi siamo in attesa della registrazione, che dovrà bloccare eventuali altri dall'impossessarsi del progetto e farne l'oggetto di una società senza permetterne l'utilizzo open-source - ha spiegato - e noi vogliamo cercare di rendere possibile replicarli a chiunque possa essere interessato a farlo».

L'ALTRO GIRASOLE FOTOVOLTAICO - Effettivamente l'idea di pannelli solari a forma di girasole non è un'esclusiva di Cameron. Lo scorso anno la società svizzera Airlight Energy, in collaborazione con Ibm, ha presentato un progetto molto simile che è stato inserito fra le 7 meraviglie del fotovoltaico, i «solar wonders 2014» di Greenpeace. L'azienda ha messo a punto i Sunflower Solar Harvester, impianti solari alti 10 metri a forma di girasole, composti da 40 specchi che concentrano le radiazioni del sole 2mila volte (convertendone l'80% in energia utile) producendo 12kw di elettricità e 20 kw di calore. Questo prototipo è stato pensato per produrre energia, desalinizzare l'acqua, riscaldare o rinfrescare gli ambienti e dovrebbe essere commercializzato entro il 2017.  

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal