24 ottobre 2020
Aggiornato 05:00
Beverage

Coca-Cola è a caccia di idee per trovare nuovo slancio

Nel quarto trimestre, il colosso americano delle bibite ha deluso le aspettative in termini di fatturato e ha visto calare i profitti, anche sulla scia del calo della domanda di bevande gassate in Nord America

NEW YORK - Coca-Cola è a caccia di idee per trovare nuovo slancio, dopo avere chiuso con risultati in chiaroscuro un 2013 difficile. Nel quarto trimestre, il colosso americano delle bibite ha deluso le aspettative in termini di fatturato e ha visto calare i profitti, anche sulla scia del calo della domanda di bevande gassate in Nord America.

Problemi analoghi a quelli della rivale PepsiCo, che si è affidata alla riduzione dei costi e alle attività legate agli snack per sostenere i risultati.

La società di Atlanta, che di recente ha rilevato per 1,25 miliardi di dollari il 10% di Green Mountain Coffee Roasters con una partnership nel settore delle cialde, nel quarto trimestre ha messo a segno profitti per 1,71 miliardi di dollari, 38 centesimi per azione, contro l'utile per 1,87 miliardi, 41 centesimi per azione, dello stesso periodo dell'anno scorso.

Escludendo le voci straordinarie, i profitti sono saliti da 45 a 46 centesimi per azione. Il fatturato è calato del 3,6% a 11,04 miliardi di dollari. Gli analisti attendevano un utile di 46 centesimi su un giro d'affari di 11,31 miliardi.

Dopo un anno «segnato dagli attuali problemi macroeconomici globali», punta a «ritrovare slancio» nel 2014, come ha spiegato l'amministratore delegato Muhtar Kent, che ha preannunciato un buyback tra 2,5 e 3 miliardi di dollari in programma per quest'anno.