6 giugno 2020
Aggiornato 17:30
Riforma delle pensioni

Galli (Confindustria): la proposta Fornero è insufficiente

L'asseggno pensionistico completo solo a 65 anni

ROMA - L'assegno pensionistico completo non prima dei 65 anni. La Confindustria classifica come troppo morbida la proposta di riforma delle pensioni avanzata dal neo ministro Elsa Fornero e, per bocca di Gianpaolo Galli, direttore generale dell'associazione degli imprenditori, chiede un intervento più radicale.

Galli, in una intervista al quotidiano La Repubblica, ritiene che l'idea della Fornero di penalizzare chi lascia il lavoro prima dei 63 anni sia troppo soft. «Noi vorremmo che l'assegno pieno sia erogato solo a 65 anni. Chi si ritira prima dovrà avere un assegno attuarialmente equivalente a quello di chi resta fino a 65 anni. In questo modo il disincentivo ad anticipare la pensione sarà maggiore».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal