17 novembre 2019
Aggiornato 11:30
Manovra & Energia

«La Robin tax colpirà le bollette delle famiglie»

Lo rivela l'autorità dell'Energia: «Ridurrà la propensione agli investimenti. A rischio sviluppo rinnovabili e infrastrutture»

ROMA - La Robin Hood tax colpirà le bollette delle famiglie. L'addizionale Ires infatti avrà effetti sugli investimenti delle aziende e di conseguenza sulle bollette e quindi sui consumatori finali. È quanto rileva l'Autorità dell'Energia in una segnalazione al Parlamento sugli effetti della addizionale Ires sulle società energetiche prevista dalla manovra bis.
«Per valutare gli effetti della nuova disposizione - si legge - è necessario considerare che il principale effetto di un aumento dell'Ires è quello di ridurre la propensione all'investimento nell'attività colpita dall'aumento stesso. Nelle attività svolte a mercato, è attraverso la contrazione degli investimenti e, di conseguenza, dell'offerta che può aver luogo, in linea generale, la futura traslazione degli effetti dell'aumento dell'imposta diretta sui prezzi e quindi sui consumatori».
Infatti rileva l'Autorità «le condizioni di mercato nel giugno 2008 consentivano, nelle attività cui trovava originariamente applicazione» la prima addizionale Ires del 2008 «margini di profitto tali da non dare luogo a criticità sul livello degli investimenti (petrolio a quasi 150dollari/bbl nel luglio 2008)».
«Si deve considerare che il contesto di mercato in cui interviene la manovra in analisi «è sensibilmente diverso rispetto a quello in essere a giugno 2008».

Criticità potrebbero del resto presentarsi anche con riferimento alle fonti rinnovabili, «riducendo la propensione all'investimento in un settore fondamentale per la gestione delle problematiche ambientali e la crescita sostenibile dell'economia». Problemi anche per le «aziende che gestiscono le infrastrutture energetiche a rete» con conseguenze «per lo sviluppo della infrastrutturazione energetica del Paese, presupposto indispensabile affinché al settore produttivo e ai consumi domestici possa essere fornita energia a prezzi competitivi e allineati con gli altri paesi dell'Unione Europea.
«In conclusione, l'applicazione di una maggiorazione Ires di tale entità alle attività soggette a regolazione tariffaria, nei limiti in cui non si possa imporre alle imprese di realizzare investimenti senza prevederne un'adeguata remunerazione, rischia di avere un impatto sui consumatori particolarmente negativo».

Vertice Arcore: Prevista l'introduzione della Robin tax - Nella manovra è prevista l'introduzione della Robin Tax. E' quanto è stato deciso nel corso della riunione di maggioranza ad Arcore, secondo quanto si apprende.