2 dicembre 2020
Aggiornato 19:00
Scomparso il 18 aprile scorso in Sud Africa

In 30mila ai funerali di Pietro Ferrero, c'è anche Berlusconi

Nel duomo di Alba le esequie del rampollo della casa dolciaria

ALBA - Sono iniziati pochi minuti dopo le 11 nel Duomo di Alba (Cuneo) i funerali di Pietro Ferrero, il rampollo della famosa industria dolciaria scomparso il 18 aprile scorso in Sud Africa. Intorno alle 10.30 è giunto nel duomo anche il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, accompagnato dal presidente della Regione Piemonte Roberto Cota. Il feretro è giunto alle 11 e quattro minuti, scortato dai familiari, ed è stato accolto da un applauso scrosciante della grande folla che si è radunata in piazza Risorgimento per manifestare la propria vicinanza e il proprio affetto.

In città, dov'è stato proclamato per oggi il lutto cittadino, sono allestiti anche alcuni maxi schermi per permettere a tutti i cittadini di seguire le esequie. Si calcola che siano presenti oltre trentamila persone. Oltre alle massime autorità locali e regionali, sono presenti tra gli altri anche il ministro della Semplificazione Roberto Calderoli, Renato Pagliaro e Alberto Nagel di Mediobanca e la regina del Belgio Paola di Liegi. Oltre un centinaio i sindaci delle Langhe e del Roero che sono presenti per i funerali.

La cerimonia funebre è concelebrata dal vescovo di Alba, Giacomo Lanzetti e dal cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato vaticano.