21 settembre 2019
Aggiornato 02:00
Caro carburanti

Benzina: ancora rialzi nel fine settimana, a quota 1,5 euro

Quasi tutti i listini al rialzo. Alla chiusura di venerdì i prezzi internazionali dei prodotti raffinati sono risultati in calo nonostante il rafforzamento del dollaro sull'euro

MILANO - Proseguono i rialzi dei prezzi dei carburanti. Nel fine settimana quasi tutte le compagnie hanno risposto al rialzo deciso venerdì da Esso. E così questa mattina su quasi tutti i listini appare il segno «più», con la benzina a cavallo di 1,5 euro/litro e il gasolio che supera per quasi tutti i marchi quota 1,38 euro/litro. Stando alle consuete rilevazioni della Staffetta Quotidiana, nel fine settimana hanno aumentato i prezzi Esso (+0,5 centesimi su entrambi i prodotti), IP (+0,5 centesimi sulla benzina), Tamoil (+0,5 centesimi su entrambi i prodotti), TotalErg (+0,6 sulla benzina e +0,9 sul gasolio) e Q8 (+1 centesimo sul diesel). Quanto a Eni, che continua ad applicare politiche di pricing differenziate nelle varie aree geografiche, si rileva una graduale crescita dei prezzi praticati soprattutto in modalità servito, forse come effetto delle nuove politiche che puntano sul «fai da te».

Le medie calcolate dalla Staffetta sono così comprese tra 1484 euro/litro (Esso) e 1,504 euro/litro (Tamoil) per la verde e tra 1,369 euro/litro (Esso) e 1,389 euro/litro (Tamoil) sul diesel. Alla chiusura di venerdì i prezzi internazionali dei prodotti raffinati sono risultati in calo nonostante il rafforzamento del dollaro sull'euro: -2,5 euro per mille litri sulla benzina, -2 sul gasolio.