5 aprile 2020
Aggiornato 03:00
Gruppo Cremonini

MARR approvato i risultati del terzo trimestre 2010

Dopo nove mesi tutti gli indicatori economici si confermano positivi con ricavi totali a 923,3 milioni di Euro (+4,1%) e l’utile netto che raggiunge 37,6 milioni di Euro (+18,0%)

RIMINI – Il Consiglio di Amministrazione di MARR S.p.A. (Milano: MARR.MI), società leader in Italia nella commercializzazione e distribuzione di prodotti alimentari al foodservice, ha approvato in data odierna il resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2010.

Principali risultati consolidati nei primi nove mesi del 2010
Nei primi nove mesi del 2010 i ricavi totali consolidati sono stati pari a 923,3 milioni di Euro, con una crescita di 36,6 milioni di Euro (+4,1%) rispetto agli 886,7 milioni di Euro del 2009.
In ulteriore miglioramento i risultati della gestione operativa con l’EBITDA e l’EBIT che hanno raggiunto rispettivamente 68,2 milioni di Euro (+10,5%) e 59,1 milioni di Euro (+10,4%).
Gli oneri finanziari netti del periodo sono stati pari a 2,5 milioni di Euro, in diminuzione rispetto ai 4,8 milioni di Euro del 2009 per effetto anche della riduzione dei tassi di interesse.
Il risultato netto ha raggiunto i 37,6 milioni di Euro con una crescita del 18,0% rispetto ai 31,9 milioni di Euro del 2009.
L’indebitamento finanziario netto di Gruppo si è attestato a 154,4 milioni di Euro, in decremento rispetto ai 155,9 milioni di Euro del 30 settembre 2009, grazie al miglioramento della generazione di cassa con un free cash flow prima dei dividendi pari a 32,6 milioni di Euro rispetto ai 23,4 milioni di Euro dei primi 9 mesi del 2009.
Il patrimonio netto consolidato al 30 settembre 2010 è pari a 199,6 milioni di Euro (186,1 milioni di Euro nel 2009).

Principali risultati economici consolidati del terzo trimestre 2010
Nel terzo trimestre 2010 MARR ha realizzato ricavi totali consolidati per 357,9 milioni di Euro, con una crescita di 11,9 milioni di Euro (+3,4%) rispetto ai 346,0 milioni di Euro del 2009.
In crescita la redditività operativa con l’EBITDA e l’EBIT che hanno raggiunto rispettivamente 30,1 milioni di Euro (+4,8%) e 26,6 milioni di Euro (+3,9%).
Il risultato netto si è attestato a 17,5 milioni di Euro con una crescita del 9,9% rispetto ai 15,9 milioni di Euro del pari periodo 2009.
Archiviamo con soddisfazione ha commentato l’Amministratore Delegato Ugo Ravanelli questo terzo trimestre, il più importante dell’anno, con risultati molto positivi che confermano la crescita dei ricavi e il miglioramento della marginalità operativa. Si tratta di risultati ottenuti grazie alla capacità di MARR di offrire una proposta commerciale sempre adeguata, nonostante la volatilità dei prezzi delle materie prime e la stagnazione dei consumi.

Risultati per segmento di attività
Nei primi nove mesi del 2010 le vendite del Gruppo MARR hanno raggiunto i 909,9 milioni di Euro, facendo registrare una crescita di oltre 34 milioni di Euro rispetto agli 875,5 milioni di Euro del pari periodo 2009. Nel terzo trimestre le vendite del Gruppo sono state pari a 351,6 milioni di Euro (341,7 nel 2009).
Le vendite verso i clienti della Ristorazione commerciale e collettiva (clienti delle categorie Street Market e National Account) al 30 settembre 2010 si sono attestate a 730,7 milioni di Euro (+3,6% sul pari periodo 2009); grazie anche al contributo del terzo trimestre in cui le vendite ai clienti della «Ristorazione» sono state pari a 288,1 milioni di Euro con una crescita di oltre 10 milioni di Euro (+3,7%) rispetto ai 277,9 milioni del 2009.
Le vendite ai clienti dello Street Market (ristoranti e hotel non appartenenti a Gruppi o Catene) nel corso del terzo trimestre – il più importante dell’anno – hanno raggiunto i 241,2 milioni di Euro con una crescita del 3,8%, che porta le vendite al 30 settembre 2010 a 574,2 milioni di Euro (+3,5% sul 2009).
Le vendite ai clienti del National Account (operatori della ristorazione commerciale strutturata e della ristorazione collettiva) nei primi nove mesi sono state pari a 156,5 milioni di Euro (150,7 milioni di Euro nel 2009).
Nei primi nove mesi del 2010 le vendite ai clienti della categoria dei Wholesale (grossisti) hanno raggiunto i 179,2 milioni di Euro, in crescita rispetto ai 169,9 milioni del pari periodo 2009.

Evoluzione prevedibile della gestione
Il mercato dei consumi alimentari fuori casa, nonostante si confermi in tenuta rispetto alla domanda per altre voci di spesa delle famiglie italiane e nel corso degli ultimi due trimestri abbia evidenziato un trend di miglioramento (Confcommercio, Novembre 2010), continua ad essere caratterizzato dall’incertezza.
L’andamento dei prezzi delle materie prime, anche dopo i rialzi che negli ultimi mesi hanno interessato alcune categorie di prodotto e in particolare quelle dell’ittico, nel suo complesso rimane incerto e volatile.
Il management della società sulla base dei positivi risultati raggiunti nei primi nove mesi del 2010, per la fine dell’esercizio conferma gli obiettivi di consolidamento del business e della redditività, mantenendo elevata l’attenzione di tutta l’organizzazione verso la gestione ed il controllo del capitale circolante netto commerciale.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal