20 gennaio 2020
Aggiornato 07:00
Materie prime

Nuovo record per l'oro, oncia a 1.277 dollari

Tra nuovi indebolimenti del dollaro e l'andamento fiacco delle borse, nuovo rally del metallo prezioso

LONDRA - Riparte la corsa al rialzo dell'oro, che oggi ha stabilito un nuovo record sul mercato di Londra, dove l'oncia ha raggiunto 1.277 dollari. Ieri il rally del metallo prezioso per eccellenza aveva mostrato una pausa, dopo che martedì era stato stabilito un altro primato oltre quota 1.270 dollari. Questo mentre l'oro sembra aver riconquistato il suo tradizionale ruolo di porto sicuro degli investitori nelle fasi di incertezza dei mercati. Gli ultimi rialzi si accompagnano a alcuni nuovi indebolimento del dollaro, la divisa con cui si commerciano tutte le materie prime, con l'euro tornato a rafforzarsi, a 1,3085 dollari.

LE CAUSE - Da stamattina le Borse europee segnano andamenti deboli, in attesa di come si orienterà Wall Street dopo i dati settimanali sulle richieste di sussidi di disoccupazione negli Usa. Inoltre a sostenere i prezzi dell'oro anche il recente rapporto di una società specialistica, la Gfms secondo cui quest'anno le maggiori Banche centrali mondiali torneranno a risultare acquirenti netti di oro, laddove nei passati dieci anni avevano ridotto le loro riserve.