21 settembre 2019
Aggiornato 02:00
Settore lattiero caseario

Chianese: dopo le indagini rimetterò il mio mandato

L'annuncio del presidente del Consorzio di tutela della mozzarella di bufala campana Dop: «appena garanti del ministero termineranno il loro lavoro»

NAPOLI - Il presidente del Consorzio di tutela della mozzarella di bufala campana Dop, Luigi Chianese, annuncia che «rimetterà il proprio mandato presidenziale al Cda» dell'ente a conclusione dell'iter procedurale disposto dal ministero delle Politiche agricole. «Al momento - spiega Chianese in una nota - l'unica strada per sgombrare dubbi su questa vicenda che ha avuto fin troppe distorsioni mediatiche è quella della collaborazione con il ministero, così come mi è stato chiesto in un apposito decreto nel quale si evincono le vere ragioni che hanno portato al provvedimento».

«Solo all'esito della valutazione dei cinque garanti, prevista nei 3 mesi, potrò dimettermi con serenità. Ritengo sia necessario - prosegue il presidente - far luce su questa vicenda che in questi giorni ha alimentato reazioni anche da parte di chi non è addentro alla questione e che lasciano il tempo che trovano, senza lasciare nulla in sospeso».

«Posso sin d'ora annunciare che rimetterò il mio mandato al Cda del Consorzio a conclusione del lavoro dei componenti del comitato designato dal ministero ai quali va tutta la mia collaborazione», prosegue il presidente del Consorzio che attende «serenamente» anche l'esito delle denunce «che ho presentato a dicembre in Procura - ricorda - sui veleni dell'ente e sui tanti episodi strani che hanno preceduto questa vicenda».

Chianese, nei giorni scorsi aveva appreso con soddisfazione la nota del ministro, Luca Zaia, che in un comunicato aveva sottolineato i termini della questione della Mozzarella di bufala campana Dop. Zaia aveva spiegato che nei prossimi tre mesi la collaborazione tra il Comitato di garanzia e il Consorzio di tutela della mozzarella di bufala campana Dop, consentirà di individuare e programmare un sistema più articolato ed efficiente di tutela e promozione del prodotto di punta del Made in Italy.