23 febbraio 2020
Aggiornato 11:00

Zaia alla presentazione del progetto Unicarve e Ama Crai Est

Il consumo di carne è identitario

«Il consumo di carne è un aspetto che fa parte della nostra identità e che rientra a pieno titolo in una sana e corretta alimentazione». Con queste parole il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia è intervenuto oggi alla conferenza stampa di presentazione del progetto Unicarve (Associazione dei Produttori di Carni Bovine del Triveneto) condiviso dall’associazione dei consumatori Adiconsum e dal Gruppo Ama CRAI EST.

Con questa iniziativa il consumatore potrà ordinare in tutti i punti vendita Crai della provincia di Treviso una confezione di circa 5 kg di carne di qualità «a km zero» ad un prezzo contenuto: i consumatori potranno infatti scegliere fra tre tipi di pacco, che costeranno – sulla base del peso e delle parti scelte - fra i 37 e i 49 euro. I prezzi risultano particolarmente convenienti e sono paragonabili a quelli dei gruppi di acquisto.

«Un progetto che valorizza la carne del nostro Paese prodotta da una filiera seria e che ha una grande attenzione per la qualità e i controlli – spiega Zaia – il consumatore si troverà di fronte un’etichetta dall’elevata comprensibilità, che garantisce la massima trasparenza e tracciabilità. Questi sono due aspetti a cui questo Governo presta grande attenzione, lo testimonia il fatto che ha approvato – ricorda il Ministro Zaia – un disegno di legge sull’etichettatura obbligatoria che garantisce qualità e un livello di sicurezza alimentare assoluto.»

«Questa iniziativa permette di accorciare la filiera e di portare la carne dal produttore direttamente al consumatore – spiega il Ministro – un aiuto concreto agli allevatori, ma anche una garanzia per i consumatori.»

«Ringrazio tutti quelli che hanno collaborato per la realizzazione di questo importante progetto – conclude Zaia – l’agricoltura non può fare a meno della grande distribuzione, ma deve fare squadra con essa. Il nostro obiettivo è quello di garantire al consumatore che entra in un punto vendita la riconoscibilità di un prodotto italiano da uno straniero. Il Made in Italy va tutelato, difeso e valorizzato perché rappresenta un patrimonio importante del nostro Paese.»