11 luglio 2020
Aggiornato 00:00
Movimprese: III trimestre 2008

Imprese: +20mila tra luglio e settembre

Natalità e mortalità delle imprese italiane registrate presso le Camere di Commercio

Si chiude con un saldo attivo di 20.358 unità, rispetto alla fine del trimestre precedente, il bilancio fra le imprese aperte tra luglio e settembre di quest’anno (80.483) e quelle che nello stesso periodo hanno cessato l’attività (60.125).

Il segno «più» continua dunque a caratterizzare il movimento demografico complessivo delle imprese operanti sul territorio nazionale che, al 30 settembre, ammontavano a 6.111.674 unità. Il tasso di crescita trimestrale (+0,33%) segna un modesto miglioramento rispetto a quello rilevato nello stesso periodo dello scorso anno (allora fu dello 0,25%), dovuto principalmente ad una riduzione nel numero di chiusure (sono state 8.400 in meno del terzo trimestre 2007), a fronte di una riduzione molto meno consistente delle iscrizioni (circa 3.200 in meno dello scorso anno e sostanzialmente in linea con l’evoluzione degli anni più recenti).

Nel complesso, seppure a ritmo rallentato, il sistema imprenditoriale continua ad allargare la sua base sotto la spinta di tre ‘motori’ che agiscono nel medio-lungo periodo: l’ampliamento delle imprese costituite in forma societaria (che crescono ad un tasso quasi triplo rispetto alla media); la prolungata fase espansiva del settore delle costruzioni e dei servizi alle imprese (che spiegano quasi un terzo del saldo del periodo); l’apporto delle imprese individuali costituite da immigrati (circa 6mila imprese in più).

Questi i dati più significativi diffusi oggi da Unioncamere sulla base di Movimprese, la rilevazione trimestrale condotta sul Registro delle Imprese da InfoCamere – la società consortile di informatica delle Camere di Commercio italiane.

Sintesi dei principali risultati (PDF)