21 ottobre 2019
Aggiornato 18:00
Infrastrutture

Ponte Messina, Lombardo: «Adesso serve la copertura finanziaria»

Il Ministro delle infrastrutture, Altero Matteoli ha detto che la delibera del Cipe rappresenta un “ulteriore tassello nel percorso di riattivazione del manufatto”

«Dopo la conferma della pubblica utilità dell'opera, decretata oggi dal Cipe, il governo nazionale deve garantire solo la copertura finanziaria, poi il ponte sullo stretto di Messina sarà una realtà». Il Presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, commenta così le notizie che arrivano da Roma, al termine della seduta del Cipe, il comitato interministeriale per la programmazione economica.

Il Ministro delle infrastrutture, Altero Matteoli ha detto che la delibera del Cipe rappresenta un «ulteriore tassello nel percorso di riattivazione del manufatto», dopo lo «stop» impresso dal governo Prodi. Il governo ha inserito la realizzazione del ponte nell'allegato infrastrutture che fa parte del Documento di programmazione economica e finanziaria.

«La Sicilia è pronta – conclude Lombardo – a definire in tempi rapidissimi tutti i provvedimenti previsti dalla Legge Obiettivo, per dare via libera all'apertura dei cantieri».