13 novembre 2019
Aggiornato 00:30
L'abuso di alcolici

Si beve un po' meno, ma cresce il binge drinking

Diffuso al Nord, nel week-end, in discoteca. Scatena comportamenti a rischio ed è pericoloso per la salute. In aumento tra i giovani. Nuovo video di Elio e Le Storie Tese contro l'abuso.

Report dell'ISTAT sull'abuso di alcol

Allarme binge drinking

Oltre agli anziani, anche i giovani di 18-24 anni rappresentano un segmento di popolazione in cui è elevata la diffusione di comportamenti a rischio; in particolare il binge drinking coinvolge il 21% dei maschi e il 7,6% delle femmine.

Bevute compulsive

Binge drinking, un'abitudine tra i giovani

Tra gli adolescenti di 16-17 anni raggiunge livelli superiori a quelli medi della popolazione e che tra i giovani di 18-24 è ormai «un'abitudine consolidata». Lo dice l'Istat nel rapporto «L'uso e l'abuso di alcol in Italia», presentato oggi

La relazione del Ministro Balduzzi

In calo i consumi a rischio, ma i giovani bevono troppo alcol

A preoccupare è soprattutto il «binge drinking», la moda arrivata dal Nord Europa di consumare bevande alcoliche diverse in quantità in un breve arco di tempo. Anche in Italia si è ormai diffusa stabilmente a partire dal 2003 e da allora ha registrato un costante aumento in entrambi i sessi

Servono campagne mirate per educare a un bere consapevole e moderato

Alcol, CIA: non è il vino la causa dello «sballo» tra i giovani

La CIA commenta i risultati del rapporto annuale redatto dal ministero della Salute: sono i superalcolici a determinare, complice la moda del «binge drinking», gli effetti più deleteri tra le nuove generazioni. Il vino paga anche gli effetti della criminalizzazione generalizzata

Lo rivela uno studio del CNR

Ragazzi in sovrappeso? Raddoppia il rischio droghe

I ricercatori hanno preso in considerazione l'uso di cocaina, eroina, stimolanti, allucinogeni e tranquillanti in età compresa tra i 15 e i 19 anni. Ed è allarme anche binge drinking e fumo. Pesa la minore autostima. Senso d'insoddisfazione spesso accompagna comportamenti a rischio

Servono campagne mirate per educare a un bere consapevole e moderato

Alcol: non è il vino a provocare lo «sballo» tra i giovani

L’indagine del Censis - sottolinea la Cia - conferma che sono gli aperitivi e i superalcolici a determinare, anche con la moda del «binge drinking», gli effetti più deleteri tra le nuove generazioni e a causare i troppi incidenti stradali

Ministero: sos giovani, beve 17% 12enni e spopola binge

Alcol, Codacons: nessun controllo nei locali

Alzare da 16 a 18 anni l'età minima per la vendita e giro di vite contro le bevande «alcopop»