28 marzo 2020
Aggiornato 19:00
Orologi

L’arte del tempo arriva dall’Oriente: la storia e le innovazioni degli orologi Seiko

Stiamo parlando di una delle aziende con maggiore esperienza nel settore degli orologi di alta gamma, che ha saputo rinnovarsi nel tempo

Seiko «since 1881»
Seiko «since 1881» Pixabay

Alcune storie imprenditoriali sono spesso poco conosciute, come nel caso di un’azienda giapponese fra le più importanti nel campo della produzione di orologi. Tra queste troviamo ad esempio quella della Seiko, un brand originario del Sol Levante che, da oltre un secolo, delizia gli appassionati di orologeria con i suoi preziosi ed eleganti segnatempo.

Stiamo parlando di una delle aziende con maggiore esperienza nel settore degli orologi di alta gamma, che ha saputo rinnovarsi nel tempo, apportando diverse innovazioni, ma senza mai rinunciare alle proprie origini. Ecco perché oggi andremo a scoprire la storia della Seiko, e di alcuni aspetti peculiari che caratterizzano questo noto marchio giapponese.

Seiko: ecco alcuni cenni alla sua storia

La Seiko è un’azienda di alta orologeria fondata in Giappone nel 1881 da Kintaro Hittori. Sin dai primi anni di vita sono state diverse le idee innovative del suo creatore, che ha sempre posto come prerogativa la crescita e l’applicazione costante di elementi nuovi ai propri prodotti.

Non si tratta di semplici parole, perché le tappe principali della sua storia lo dimostrano: la Seiko fu infatti la prima casa produttrice di orologi ad introdurre sul mercato i segnatempo al quarzo, nell’oramai lontano 1969. Fu anche la prima azienda al mondo a commercializzare il primo orologio GPS, cosa che avvenne nel 1982. Il tutto senza dimenticare la grande qualità delle sue creazioni, la cui precisione non ha nulla da invidiare ai maggiori produttori svizzeri.

Fra i modelli più importanti della Seiko troviamo la collezione Grand Seiko, insieme ad altre collezioni come Astron, Premier, Sportura, Solar, Marine Sport e Prospex. Ancora oggi questo brand continua a produrre orologi dalle caratteristiche distintive evidenti. Basta infatti leggere la recensione del Seiko skx007 fatta dal sito Horibter.com per scoprire alcuni dettagli di tutto rispetto: ad esempio il movimento 7S26 con 21 rubini, automatico e di manifattura proprietaria al 100% con una riserva di carica di 40 ore.

Seiko e le attenzioni per l’ambiente

Il brand giapponese in questione non è all’avanguardia solo in termini di stile e di tecnologie, dato che si fa notare anche per la sua attenzione all’ambiente. Lo dimostra il fatto che Seiko ha scelto di lanciare sul mercato un modello molto particolare: si tratta del Kinetic, un segnatempo in grado di generare energia approfittando dei movimenti di chi lo porta al polso. È una filosofia che emerge anche dalle metodologie di fabbricazione dell’azienda, assolutamente rispettose dell’ambiente e della natura: non a caso, si tratta di un esempio quasi unico nel mondo dell’alta orologeria, se si analizzano le politiche ambientali di questo marchio.

In conclusione, Seiko è un brand giapponese che – dopo oltre un secolo – conserva ancora le sue origini fatte di eccellenza e innovazione, non solo produttiva, ma anche ambientale.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal