26 ottobre 2020
Aggiornato 01:00
Dipingere i tessuti

Come trovare i migliori pennarelli per tessuti per le tue esigenze

L'utilizzo dei pennarelli per tessuti, rispetto ad altri tipi di strumenti, è destinato ad assicurare molteplici vantaggi, sia di natura estetica che pratica

Dipingere i tessuti è un hobby in grado di regalare grandi soddisfazioni e una gratificazione personale che, in alcuni casi, può essere anche economica. Chi ha intenzione di dedicarsi a questa passione non può che mettersi in cerca di pennarelli per tessuti di comprovata qualità, anche se non è detto che i pennarelli costituiscano la sola opzione a cui fare riferimento; in alternativa si potrebbe propendere per gli acrilici in tubetto o altri tipi di tinte da applicare con i pennelli.

Perché scegliere i pennarelli

L'utilizzo dei pennarelli per tessuti, rispetto ad altri tipi di strumenti, è destinato ad assicurare molteplici vantaggi, sia di natura estetica che pratica. Il loro effetto grafico, infatti, è perfetto per le rifiniture più precise, ma anche per la realizzazione di scritte o per la definizione di contorni. Più in generale, ogni volta che si ha la necessità di un contrasto ottimale e di tracciare linee sottili, magari per forme geometriche, il pennarello è la soluzione a cui affidarsi. I pennarelli indelebili per stoffa migliori sono quelli a base di acqua e indelebili: ce ne sono varie tipologie sul mercato, tali da assecondare esigenze differenti e da soddisfare ogni tipo di gusto.

Quanto deve essere grande la punta

Uno degli aspetti che meritano di essere presi in considerazione in vista dell'acquisto dei pennarelli va individuato nella grandezza della loro punta: essa, a seconda dei modelli, può essere più o meno grossa o più o meno fine. Non mancano, tra l'altro, i modelli dotati di doppia punta: per capire se essi rappresentano ciò di cui si ha bisogno è necessario valutare quali disegni e decorazioni dovranno essere realizzate. Per quanto riguarda i colori, invece, se si è all'inizio è preferibile non andare oltre quelli base, per poi aggiungerne altri in modo graduale, ricorrendo a sfumature sempre nuove a mano a mano che si acquisisce dimestichezza con il lavoro.

Come si usano i pennarelli per i tessuti

La comodità è uno dei punti di forza dei pennarelli per tessuti, che non a caso sono consigliati a tutti coloro che non si trovano a proprio agio con i pennelli. Mentre questi ultimi richiedono un livello di precisione molto più elevato, i pennarelli sono in un certo senso già pronti per essere utilizzati, e inoltre presuppongono modalità d'uso più semplici. Ciò non vuol dire, ovviamente, che non serva avere una mano ben salda e sicura: insomma, è comunque richiesta una buona dose di attenzione, per evitare sbavature che sarebbero complicate da eliminare o da correggere.

Guida all'utilizzo dei pennarelli

Anche per i pennarelli, poi, sono previste delle tempistiche ben precise che devono essere rispettate, soprattutto in relazione all'asciugatura dei colori: è meglio lasciar trascorrere almeno un paio di ore prima di intervenire di nuovo. Trascorso questo lasso di tempo, però, il lavoro non si può considerare concluso, dal momento che serve fissare la tinta con il ferro da stiro. I tessuti colorati con i pennarelli sono in grado di resistere senza problemi a lavaggi fino a 60 gradi.

Qualche consiglio finale

Soprattutto se si è alle prime armi in questo settore, un accorgimento utile potrebbe essere fare prima alcune prove su carta, o magari su vecchi tessuti che non si utilizzano più, per acquisire esperienza e imparare a maneggiare lo strumento in modo impeccabile. Il fatto che si tratti di prodotti indelebili, d'altro canto, ha pro e contro: da un lato la lunga durata nel corso del tempo, ma dall'altro lato la difficoltà di apportare correzioni nel caso di eventuali errori o modifiche.