21 aprile 2021
Aggiornato 01:00
Eventi

Bologna, 8 cose da fare il 14 e il 15 ottobre

Un weekend ricco di eventi da non perdere. Dalla musica, ai luoghi di cultura passando per i mercati per arrivare allo sport. Ecco tutto quello che c'è da sapere per non lasciarsi sfuggire gli appuntamenti migliori

BOLOGNA – Musica, cultura, feste in ogni angolo, sport e molto altro in questo weekend bolognese che non mancherà di stupirvi. Ecco i nostr consigli per godervelo al meglio.

Musica
Al Borgofest. Il live di «Mel Previte & The Gangsters of Love». Il gruppo è sempre stato un side project dei tre musicisti. Accomunati dalle esperienze prima come membri dei «The Rocking Chairs», con cui hanno inciso quattro album pubblicati dalla River Nile/EMI, i tre Gangsters hanno avuto possibilità di collaborare, in studio con artisti del calibro di Sonny Landreth, Willie Nile, Elliott Murphy, Robert Gordon, Bobby Bandiera e altri illustri rappresentanti del suono rock americano. Con alcuni di questi si é sviluppato un rapporto di amicizia e stima reciproca che ha fatto sì che i tre accompagnassero Willie Nile in due tour italiani. Stessa cosa è avvenuta con Elliott Murphy e Robert Gordon. Dal 1995 i tre iniziano a collaborare con Luciano Ligabue, con cui incidono il fortunatissimo «Buon Compleanno Elvis» pubblicato dalla Wea, che arriva a vendere 1 milione di copie. Amici da sempre si ritrovano sul palco per l'occasione e suoneranno alcune cover da baracca: Emiliano Gurioli – Voce, Paolo «Lupo» Palmieri – Batteria, Matteo «Teo» Minghetti – Basso, Gianluca «Il Biondo» Iotti- Chitarra, Danilo «Faggio» Faggiolino – Chitarra.

Giornata Fai d'autunno
La Giornata FAI d’Autunno del gruppo Fai giovani Bologna quest’anno sarà dedicata al 
al ricordo delle Feste Musicali. Nel 1967 nasceva su ispirazione del maestro Tito Gotti un Festival musicale nuovo che sarebbe durato fino al 2003. Musica antica e contemporanea risuonarono in palazzi privati, in chiostri nascosti di eremi e conventi, nelle vastità di ex caserme e di edifici fieristici, in giardini di ville collinari. Per non parlare del treno... L'itinerario sarà arricchito da momenti musicali che rimandano a storiche rappresentazioni delle Feste Musicali avvenute in quegli stessi luoghi. Aperture: Complesso di San Michele in Bosco (Via Pupilli, 1): sorge sui primi colli bolognesi e domina la città, il complesso monumentale di San Michele in Bosco. Un luogo affascinante per la sua storia legata prima ai monaci olivetani, che qui risiedettero a partire dal XIV secolo, e poi all'Istituto Ortopedico Rizzoli che trovò sede negli antichi dormitori del convento a partire dal 1896. La visita toccherà alcuni degli spazi più suggestivi dell'edificio, tra cui il chiostro ottagonale, unico per la sua insolita architettura, e la «Manica Lunga», antico corridoio monastico sul cui pavimento è possibile vedere la dimensione degli edifici più grandi della città, tutti superati in lunghezza da questa straordinaria loggia. All'interno della Chiesa e della Sala Vasari, un tempo refettorio degli olivetani, potremo infine ammirare le opere di alcuni grandi protagonisti dell'arte tra '400 e '600: Jacopo della Quercia, Alfonso Lombardi, Innocenzo da Imola, Giorgio Vasari, Carlo Cignani e Domenico Maria Canuti. Letture di Alessandra Frabetti accompagnate dal pianista Luigi Caselli. Intervento musicale dell' Odhecaton Ensamble diretto da Paolo Da Col.
Palazzina della Viola (via Filippo Re, 4) che fu fatta costruire da Annibale II Bentivoglio alla fine del XV secolo come «casino per li secreti e solitari piaceri» all'interno delle mura di Bologna e circondata da un giardino profumato di viole. Dopo la cacciata dei Bentivoglio, fu prima sede del collegio teologico fondato dal cardinale Bonifacio Ferrerio (1540), destinato a studenti piemontesi, e poi nel 1803 sede della Scuola agraria dell'Università, guidata dal botanico Filippo Re. L'assetto attuale si deve alla sistemazione cinquecentesca voluta dal Ferrerio: è a questa fase che dobbiamo ascrivere le scene mitologiche dipinte da Innocenzo da Imola nel loggiato e il dipinto murale con le "Storie di Costantino e Papa Silvestro" realizzato da Prospero Fontana nel salone di rappresentanza al piano nobile. Al piano terra, negli spazi un tempo adibiti a cucine e ambienti di servizio, si conservano frammenti di pittura di Amico Aspertini. Oggi l'edificio ospita alcuni uffici dell'Università di Bologna. Orto Botanico (via Irnerio, 42): l'Orto Botanico dell'Università di Bologna si trova in Via Irnerio, nel cuore della zona universitaria. Occupa una superficie di circa 2 ettari a pianta rettangolare che raggiunge le antiche mura della città. L'Orto Botanico attuale segue, fondamentalmente, due criteri espositivi diversi: da un lato, la presentazione di singole collezioni di particolare pregio e, dall'altro, la ricostruzione di ambienti naturali nei quali le specie vegetali sono associate in modo simile a quanto avviene in natura. L'Orto dispone anche di quattro serre, due tropicali - di cui una semi-interrata - e due di piante succulente. Una piccola serra ospita una collezione di piante insettivore. Oltre alla preponderante attività didattica, rivolta in particolare all'Università ma anche alle scuole di ogni ordine e grado, ad associazioni e a gruppi di visitatori, l'Orto Botanico svolge un'intensa attività di supporto alla ricerca e partecipa a numerosi progetti universitari, nazionali e internazionali. Palazzo Bentivoglio (via delle Belle Arti, 8): dopo quarant'anni dalla distruzione dell'antica "Domus Magna" dei Bentivoglio (che sorgeva nell'area del Guasto e del Teatro Comunale), nel 1551 venne iniziata la costruzione di un nuovo palazzo, voluto da Costanzo Bentivoglio, discendente di un ramo collaterale della casata, su progetto di Bartolomeo Triachini e Pellegrino Tibaldi. L'edificio che ne risultò mostra un'imponente facciata in arenaria priva di portico, che si apre un cortile scenografico con loggiato a due ordini, progettato da Tibaldi e poi continuato da Giovanni Battista Falcetti nel XVII secolo. Si narra che all'interno di questo edificio si tennero festeggiamenti straordinari come quello del conte Girolamo, che per festeggiare la fine del suo mandato come gonfaloniere della città nel 1713, allestì nella vasta sala del palazzo un laghetto con isole e rive fiorite, attraversato da numerose barchette che portavano le vivande ai commensali. Il violinista Matteo Cimatti ed il violoncellista Enrico Mignani eseguiranno alcuni interventi musicali.
Aula Magna dell'Accademia di Belle Arti (via delle Belle Arti, 54), l'Accademia di Belle Arti deriva dall'Accademia Clementina, istituzione fondata nel 1709 (e di cui venne riconosciuto lo statuto da papa Clemente XI nel 1711) con sede in Palazzo Poggi. In seguito alle soppressioni napoleoniche e alla riforma degli studi promossi dal regime, l'accademia venne rifondata divenendo Accademia Nazionale di Belle Arti e trasferita nel 1804 nei locali attuali in via Belle Arti, dove anticamente sorgeva il complesso della chiesa di Sant'Ignazio (oggi aula magna dell'Accademia) e del convento dei Gesuiti, costruito dall'architetto bolognese Alfonso Torreggiani nel XVIII secolo. Il complesso, adiacente alla Pinacoteca Nazionale di Bologna, ospita attualmente le aule didattiche e i laboratori di pittura, scultura e incisione al piano terra, i laboratori di anatomia e decorazione al primo piano ed infine i laboratori di scenografia nel teatro, mentre l'aula magna viene usata per lezioni, conferenze e video proiezioni. Il violinista Matteo Cimatti ed il violoncellista Enrico Mignani eseguiranno alcuni interventi musicali. In tutti questi beni si susseguiranno visite guidate condotte da noi, intervallate da due momenti musicali (indicativamente a metà mattina e metà pomeriggio). 
Dalle ore 18 alle 19.30 avrà luogo presso il Foyer Rossini del Teatro Comunale Bologna, in Largo Respighi 1, un incontro dedicato alla celebrazione dei 50 anni delle Feste Musicali, con la partecipazione del maestro Tito Gotti, ideatore delle Feste Musicali, del sovrintendente Nicola Sani, della prof.ssa Anna Maria Matteucci, dei soprano Anna Caterina Antonacci e e di Giorgio Forni, presidente delle Feste Musicali. Seguiranno gli interventi musicali di Enrico Mignani, al violoncello, e Matteo Cimatti, al violino. Concluderà l'incontro Cristina Zavalloni accompagnata al piano da Andrea Dindo. La partecipazione all'evento al Teatro Comunale è solo su prenotazione! Sarà possibile prenotarsi solo a partire dall'11 di ottobre su: www.faiprenotazioni.it.

Marco Masini in città
Il cantautore firma copie del suo nuovo disco live «Marco Masini in Concerto». Marco Masini incontrerà i fan e firmerà le copie del nuovo disco (Sony Music): Il 15 di ottobre a Bologna al Centro Commerciale Vialarga alle 17. il disco contiene tutti i successi dell’album sanremese «Spostato di un secondo» in versione live più il brano «La borsa di una donna» in versione studio, canzone scritta per Noemi e per la prima volta cantata dall’artista stesso. È in radio il nuovo singolo «Signor Tenente» cover dell’indimenticabile amico e collega Giorgio Faletti, portata da Marco Masini al 67mo Festival di Sanremo e che gli ha fatto guadagnare il podio nella serata cover, inserita in «Marco Masini in concerto» come bonus track.

Performance artistiche
Sabato 14 ottobre dalle 16 sino a domenica 15 ottobre alle 16 si apre la stagione di Raum (Via Ca' Selvatica 4/D), lo spazio di Xing a Bologna, con «Musica per un giorno» (Anno 2°), una non-stop performativa di Canedicoda e Roberta Mosca. «Musica per un giorno» è una lunga azione della durata di 24 ore che, nelle sue intenzioni, vuole essere ripetuta una volta all'anno per 24 anni consecutivi. La sua esecuzione a Raum segna l’anno due. Non è un concerto e nemmeno una performance di danza; è piuttosto un’occasione esplorativa per scoprire una serie di percezioni, stati, limiti ed emozioni, generati dalla condivisione ininterrotta di un luogo per un tempo esteso quanto un giorno. Note alla partecipazione: Si è liberi di arrivare ed allontanarsi per tutta la durata dell’azione, ad eccezione dell’orario compreso tra le 2 e le 6 del mattino di domenica 15 ottobre, periodo in cui è consentita la sola uscita. Lo spazio è intimo e silenzioso, e verrà chiesto di entrare scalzi. Maggiori informazioni e aggiornamenti: www.xing.it.

Musica classica
Lo straordinario violinista Michael Barenboim protagonista di Bologna Modern #2, con i Sei Capricci per violino solo di Salvatore Sciarrino, affiancati ai suoi omologhi paganiniani. Sabato 14 ottobre all'Oratorio San Filippo Neri, alle 20.30 Musica Insieme e Teatro Comunale di Bologna. Programma: Giuseppe Tartini, Sonata «Il trillo del Diavolo», Salvatore Sciarrino, Sei Capricci, Luciano Berio, Sequenza VIII, Niccolò Paganini, Sei Capricci dall’op. 1: nn. 1, 6, 17, 16, 9, 24. Maggiori informazioni e aggiornamenti musicainsiemebologna.it, www.comunalebologna.it.

Passeggiate misteriose
Un'insolita passeggiata alla scoperta dei misteri che si celano sotto la calma corrente dei canali di Bologna. Mille storie, alcune divertenti, altre da brivido, ma tutte da scoprire. La passeggiata guidata si svolge a piedi partendo dal «Guazzatoio» di Via Augusto Righi e risalendo il corso dei canali di Reno, delle Moline e il torrente Aposa, con soste lungo il percorso per scoprire la storia e «le storie» dei canali. Ma attenzione: non è adatta ai deboli di cuore. Lungo il percorso confronteremo i paesaggi attuali con quelli dei secoli passati attraverso fotografie d’epoca, grazie al supporto dell’app «Canali di Bologna». Tour organizzato da SmartFactory in collaborazione con l'Associazione Culturale Habitart e con il Consorzio della Chiusa di Casalecchio e del Canale di Reno. Ingresso Guazzatoio, Via Augusto Righi 1. Quota di partecipazione: € 10 a persona, € 5 per i minori di 18 anni, possibilità di iscriversi in loco all'Associazione Culturale Habitart alla quota di 2 euro. Posti limitati, prenotazione consigliata scrivendo a info@smartfactorylab.com.

Il mercato di tutti
Al Mercato Sonato (Via Tartini 3), ogni due domeniche, da mattina a sera, il Mercato sarà teatro di attività per bambini e famiglie, performance e piccoli concerti, avvolti nel profumo dei piatti biologici di Cucinotto. Una giornata divertente e creativa di armonia e socialità, ascolto e confronto. Cucinotto ti delizierà con un'abbondante colazione, con gustosi piatti di cucina biologica a pranzo, con una golosa merenda tutto il pomeriggio e, ovviamente, per brindare alla seconda, splendida, stagione del Mercato Sonato. Tutti i laboratori sono ad offerta libera e consapevole. Ingresso con tessera Arci 

Calcio
Allo Stadio Renato Dall'Ara, domenica 15 ottobre alle 15 torna dopo decenni il derby emiliano contro la Spal. Il Bologna prova a continuare la striscia di vittorie, la Spal cerca punti importanti per la salvezza. Ottava giornata Campionato Serie A.