Dieta e salute

Più magra e meno stress? Ecco la dieta ideale

Una dieta ricca di proteine aiuta a perdere peso, dormire meglio e prevenire patologie cardiovascolari

Per dimagrire è meglio una dieta ricca di proteine
Per dimagrire è meglio una dieta ricca di proteine (Ivan Galashchuk | Shutterstock.com)

Alla parola «dieta» viene subito un po’ di ansia. La si associa a restrizioni, a cibi poco conditi e troppa fame. Per una volta, però, alcuni scienziati hanno trovato una soluzione che piacerà a molte donne: la dieta che ti aiuta a perdere peso, ridurre lo stress e dormire meglio. Il segreto? La quantità di proteine.

Tante verdure? No, meglio le proteine
Sfatato il mito che solo frutta e verdura ci aiutano a star bene e perdere peso. Alcuni ricercatori statunitensi, infatti, hanno condotto una ricerca su adulti di mezza età con problemi di sovrappeso. Dai risultati è emerso che un metodo efficace per perdere peso è l’utilizzo di dosi elevate di alimenti proteici che, oltre a migliorare il peso forma, aiutano a dormire meglio.

Non è solo una questione di calorie
«La maggior parte della ricerca analizza gli effetti del sonno sulla dieta e il controllo del peso, ma la nostra ricerca ha capovolto la domanda chiedendosi quali sono gli effetti della perdita di peso e la dieta - in particolare della quantità di proteine - sul sonno», spiega Wayne Campbell della Purdue University (USA). «Abbiamo scoperto che consumando una dieta a ridotto tenore calorico con una maggiore quantità di proteine, migliora la qualità del sonno negli adulti di mezza età. Questa qualità del sonno è migliore rispetto a coloro che hanno perso la stessa quantità di peso, consumando una quantità normale di proteine», continua Campbell.

L’effetto anche su chi soffre di obesità
Lo studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, ha coinvolto 44 volontari in sovrappeso o obesi. Alcuni hanno seguito una dieta a basso tenore calorico con un contenuto normale di proteine, mentre gli altri, lo stesso livello di calorie ma con una percentuale più elevata di proteine. Ogni mese, veniva chiesto ai partecipanti di compilare un questionario circa l’andamento e la qualità del sonno.  Questo perché la «durata troppo breve e la qualità del sonno, spesso compromessa, portano a malattie metaboliche, patologie cardiovascolari e morte prematura», spiega il dottor Jing Zhou, autore dello studio.

I primi risultati dopo tre mesi
Dopo circa tre mesi dall’inizio della dieta si è assistito – oltre che a un calo del peso – a una migliore qualità del sonno. «Data l’alta prevalenza di problemi di sonno è importante sapere come i cambiamenti alla dieta e allo stile di vita possono contribuire a migliorare il sonno», continua dichiarato Zhou. «Questa ricerca sulla dieta e qualità del sonno si aggiunge alla crescente lista di risultati positivi sull’assunzione più elevata di proteine. Mentre la perdita di peso e gli risultati comprendono la promozione della perdita di grasso corporeo, il mantenimento della massa magra e miglioramenti nella pressione del sangue», conclude Campbell.